Mango maniacale

No, davvero, è un autista. Romeo Furio lo dimostra

Vedi tutte le 9 fotoRandy BoligwriterSteve MagnantephotographerDec 1, 2002

Iniziamo la nostra storia a metà maggio 2002. Un uomo, Boulder City, Nevada, residente a Roma, Romeo Furiodecise di mettere il mondo dell’automobilismo sul suo proverbiale retro. È arrivato all’inizio dell’Hot Rod Power Tour del ’02 con un mezzo di trasporto a dir poco stellare. Ok, ci rendiamo conto di quello che alcuni di voi pensano che sia solo un A-Body. Beh, questo tipo di pensiero potrebbe farvi ottenere un posto nella parte anteriore della classe.

Il tour è iniziato a Lincoln, Nebraska, il 24 maggio, con i partecipanti che hanno apportato le melodie finali e le modifiche alle loro giostre. Per quanto riguarda Romeo, si stava rilassando e si stava godendo la festa. Aveva fiducia nella qualità della lavorazione che la Pure Vision di Simi Valley, California, aveva applicato alla sua Duster del ’71, giustamente chiamata Dust’Ya.

Il tour coprirebbe varie autostrade interstatali e anche alcune strade secondarie più piccole durante il trekking di fondo. Anche in questo caso, Romeo aveva fiducia nel suo viaggio. Otto giorni dopo, il tour si è concluso a Columbus, Ohio. Con un viaggio che si estendeva per oltre 1.600 miglia, il Duster di Romeo ha avuto la corsa di ricognizione di una vita. La maggior parte dei ragazzi avrebbe avuto un’auto come questa relegata al servizio di rimorchio. Non Romeo.

Quando Romeo stava decidendo di costruire un’auto, si è inclinato verso un dardo a corpo quadrato per soddisfare il suo bisogno di A-Body. Quello che accadde dopo fu un incontro con Steve Strope della Pure Vision Designs. Steve progetta e costruisce giostre di alta qualità da diversi anni, e ha convinto Romeo che una Duster in stile successivo sarebbe stata più di suo gradimento. Le linee più eleganti, l’abitacolo più grande e uno stile più accattivante dal punto di vista visivo si presterebbero meglio a ciò che Romeo aveva in mente. Una volta individuato un candidato adatto, la metamorfosi era in corso.

Articolo molto interessante
Jim Evans 1936 Ford 5-Window Coupé - Joliet Turtle Wax Top 100

Dopo aver sgravato il corpo da tutti i componenti non necessari (cablaggio, impianto idraulico e così via), è stato dato a Russ Stevenson di Ventura, California. La qualità del lavoro di Russ è evidente nella levigatezza simile al vetro del corpo, che è ricoperto da un mix personalizzato di Manic Mangoone degli intrugli personali di Russ.

I tocchi sottili attirano prima l’attenzione. Avete notato l’assenza delle luci laterali? E gli specchietti retrovisori e le maniglie esterne delle portiere verniciate dello stesso nero opaco del cofano e dei piani delle portiere? Le strisce della fabbrica Duster sono state duplicate da Matt Willoughby di New Middleton, Ohio. La differenza è che le strisce della fabbrica sono state ritagliate per le maniglie delle portiere. La versione di Matt non lo è, e il lettering in stile fabbrica recita Dust’Ya al posto di Duster.

Il duo ha deciso che il tema sarebbe stato il Pro-Touring, quindi sono stati impiegati bracci di controllo superiore tubolari Magnum Force, barre di torsione Mopar Performance per impieghi pesanti e shock KYB. L’asta del puntone è stata progettata da Steve, ed è una costruzione in metallo cromato con estremità delle aste di qualità aeronautica (al posto delle boccole in gomma di fabbrica) filettate all’estremità per la regolazione. Il rearend è sostenuto da un paio di molle a balestra Eaton e da un set di grandi freni Baer con pinze PBR. Per il materiale rotabile c’è un set di ruote Budnik di 17×7 davanti e 18×9 dietro. La gomma è di Toyo, e misura 225/45-17 e 275/40-18, rispettivamente. Un po’ di massaggio delle ruote era sicuramente in ordine.

Articolo molto interessante
La Lamborghini Diablo D&R di Paul Gold

Ricordi che ti abbiamo detto che Romeo ha guidato l’auto durante l’Hot Rod Power Tour? Ovviamente, erano necessarie alcune comodità da creatura. Tanto per cominciare, attraversare il deserto può diventare molto caldo. Dietro il cruscotto in metallo della fabbrica è stato installato un condizionatore d’aria d’epoca. L’apertura della radio della fabbrica è stata saldata e lisciata per creare un aspetto sanitario.

Avete notato il gruppo di misura? Al tachimetro personalizzato da 160 mph è stato dato un look in fibra di carbonio che si abbina ai misuratori Autometer che lo affiancano. I sedili sono realizzati da Corbeau, con gli inserti di tappezzeria realizzati da Clint Sharp Custom Interiors di Tarzana, California. Il nuovo headliner, la moquette e i pannelli delle portiere sono del primo anno e sono stati anch’essi installati da Clint. Per la sicurezza, una gabbia a otto punti della Red Zone Race Fabricators di Simi Valley, California, circonda l’abitacolo.

Il cambio che sporge attraverso il pavimento ha un aspetto diverso? Quel pezzo si collega a un Tremec TKO a cinque velocità della Keisler Automotive di Knoxville, Tennessee. Hai visto la decalcomania 372-stroker sul cofano, giusto?

Il dinamico duo (Romeo e Steve) ha contattato Kibler Performance di Camarillo, California, e ha commissionato ai ragazzi di posizionare una manovella 360 nel blocco ’72 340 riducendo le dimensioni del diario da 2,81 pollici a 2,50 pollici. Il blocco era pieno di chicche come le aste a pallini, i pistoni Hypereutectic Keith Black Hypereutectic, e un albero a camme Comp Cams sperimentale. Potremmo dirvi le specifiche, ma dovremmo uccidervi. Seriamente, l’albero a camme sperimentale ha una portanza di .561,526 pollici e una durata di .231/237 gradi. L’albero a camme con separazione dei lobi a 112 gradi è installato a quattro gradi di avanzamento. Le teste sono fusioni X vintage del ’70 con un semplice lavoro a ciotola e miscelazione. Il succo di frutta fluisce in una presa M1 modificata che supporta un corpo farfallato MSD a quattro barili controllato da un modulo computerizzato F.A.S.T Fuel Injection Systems.

Articolo molto interessante
Un camion di copertura pieno di Trick Paint e consigli per il corpo

Vi piace il montaggio del depuratore d’aria personalizzato? Con l’aiuto della Billet Fabrications di Simi Valley, California, Pure Visions ha progettato un’unità che può essere facilmente smontata e che mantiene un basso profilo per la pulizia del cofano.

Ricordate che questo Duster doveva essere in grado di gestire le alte temperature del deserto? Un radiatore americano a quattro conduttori e una pompa dell’acqua Milodon e le carrucole March impediscono al Duster di scaldarsi sotto il collare. Tutto ciò che si trova davanti è uno spreco senza qualcosa di grosso dietro, così è stato aggiunto un 8 posteriore pieno di 3,55 marce.

I ragazzi hanno realizzato quello che volevano? Pensiamo di sì. Hanno costruito un’auto che può essere guidata attraverso il paese, che può essere guidata su qualsiasi campo di spettacolo, e tagliare una curva come se fosse su rotaie. Quindi ecco una parola di avvertimento per il ragazzo nella sua Camaro che tira a fianco di Romeothe Dust’Ya sul parafango non è solo un’affermazione, è quello che sta per succedere.

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites200212a97618-hero-1971-Plymouth-Duster-Front-Drivers-Side-View-Banner.jpg

Lascia un commento