Mi dispiace, ma le trappole di velocità non sono in realtà una trappola

speed trap, cop” “Quasi tutti i conducenti hanno avuto quella sensazione di affondamento quando si rendono conto di essere stati colpiti da un radar e vedono le luci lampeggianti di un’auto della polizia spuntare alle loro spalle. Da far impazzire, sì. Intrappolamento, no. inhauscreative/Getty Images

Pubblicità

Ecco lo scenario di base che probabilmente fa venire i brividi a qualsiasi guidatore. Stai percorrendo un tratto di autostrada sconosciuto e non stai prestando troppa attenzione al tuo tachimetro. Un attimo dopo aver passato un cartellone pubblicitario, ti accorgi che dietro di esso è parcheggiata un’auto della polizia e che l’agente ha per caso una pistola radar puntata contro di te. La cosa successiva è che vi viene fatto cenno con la mano e vi viene chiesto di fornire la patente di guida e l’immatricolazione del veicolo. Qualche minuto dopo, te ne vai con una costosa multa per eccesso di velocità nascosta nel vano portaoggetti.

Farsi intrappolare in un trappola per la velocità – definita in modo generico come un punto in cui le forze dell’ordine sono in agguato in attesa di prendere e multare i conducenti che superano il limite – può essere un’esperienza frustrante. E probabilmente non è così raro. Farsi accostare per eccesso di velocità è qualcosa che accade a quasi un automobilista su dieci ogni anno, secondo un sondaggio pubblicato nel 2013 dalla National Highway Traffic Safety Administration. Chi è stato fermato dice di aver ricevuto la multa il 68 per cento delle volte, mentre il 27 per cento è riuscito a farla franca solo con un avvertimento (un altro 5 per cento non ha ricevuto nessuno dei due). E, a seconda del luogo, chi viene citato può provare un grave dolore finanziario. Nello stato di New York, ad esempio, una multa per eccesso di velocità potrebbe costare più di 1.000 dollari, secondo il Traffic Safety Committee del Governatore.

Articolo molto interessante
Auto nuove in Europa Chiamare automaticamente la polizia in caso di emergenza

Si potrebbe pensare che tutto questo sembri ingiusto, e forse anche illegale. Come mai la polizia è in grado di nascondersi e di aspettare che gli ignari automobilisti cadano nella loro trappola? Mettere una trappola per la velocità non è una forma di trappola? Dopo tutto, i due termini sembrano così simili.

Mi dispiace deludervi, ma non provate mai a fare questo discorso in tribunale per il traffico.

“Una trappola per eccesso di velocità non è una trappola perché un ufficiale non invita, non attira e non incoraggia un guidatore a commettere il reato di eccesso di velocità”, spiega Valdosta, l’avvocato della Georgia William Long Whitesell in una e-mail. Come spiega Whitesell in questo post del 2017, la polizia non ha alcun obbligo legale di dire agli automobilisti dove si trovano, ed è perfettamente normale che nascondano la loro presenza nel tentativo di catturare i trasgressori. Per incastrarli, dovrebbero fare qualcosa di veramente oltraggioso – come fermarsi accanto a te su un veicolo non contrassegnato, chiedere a che velocità può andare la tua auto sportiva e poi sfidarti a una gara. (Questo è solo un esempio ipotetico, dice Whitesell)

E questo non è vero solo in Georgia. Altri Stati usano la stessa definizione di intrappolamento. Il giudice della Pennsylvania Jessica Brewbaker offre una spiegazione simile di cosa significhi effettivamente intrappolamento in questa rubrica di PennLive.com 2014.

Anche se a nessuno piace essere fermato per eccesso di velocità, non è difficile capire l’importanza di far rispettare i limiti di velocità. Secondo la National Highway Traffic Safety Administration, l’eccesso di velocità è stato un fattore che ha contribuito al 27% di tutti gli incidenti mortali avvenuti nel 2016, l’anno più recente per il quale erano disponibili dati, e questi incidenti sono costati la vita a più di 10.000 persone.

Articolo molto interessante
Come regolare gli specchi per ridurre al minimo il punto cieco

Detto questo, gli autovelox sono stati esaminati anche in alcuni luoghi, dove le piccole città sono state accusate di fare affidamento su di loro per fare soldi piuttosto che per salvare vite umane. Garry Biller, presidente della National Motorists Association, un gruppo di difesa con sede a Waunakee, Wisconsin, spiega che per decenni, la convenzione in materia di ingegneria del traffico è stata che i limiti di velocità dovrebbero seguire la regola dell’85° percentile. Ciò significa che il limite legale dovrebbe essere di pochi chilometri all’ora rispetto alla velocità media del traffico su quel particolare tratto di strada, che la ricerca ha dimostrato essere la velocità più sicura per i conducenti.

Ma quel numero non è necessariamente permanente, poiché il flusso del traffico può evolvere nel tempo. Se non c’è stato un recente studio sul traffico, può svilupparsi una situazione in cui il limite di velocità fissato è in realtà più lento del flusso di traffico prevalente.

“Quando troviamo quelli in luoghi dove sembra esserci un’applicazione della legge più pesante, questo ci porta a credere che l’applicazione sia più basata sulle entrate”, dice Biller.

La Borsa nazionale degli autovelox

È difficile dire esattamente come esistano gli autovelox. Nel tentativo di avvisare i conducenti della loro presenza, NMA ha compilato un database di oltre 80.000 possibili ubicazioni degli autovelox negli Stati Uniti e in Canada. Ci sono anche alcuni esempi storici noti, come le piccole città della Florida di Lawtey e Waldo, dove la polizia era solita scrivere così tante multe per eccesso di velocità che nel 1995, l’AAA ha ufficialmente designato sia come “Trappole per il traffico” e ha persino eretto dei cartelli all’esterno per avvertire i guidatori incauti di rallentare. (Secondo il Gainesville Sun e questo comunicato stampa dell’AAA, le città alla fine hanno cambiato strada e nel 2018 l’AAA ha ufficialmente rimosso la designazione).

Articolo molto interessante
Come si sceglie la corsia più veloce da percorrere?

Negli ultimi anni, alcuni Stati hanno cercato di scoraggiare le città dall’utilizzare gli autovelox attraverso l’approvazione di leggi che limitano la percentuale di entrate che una città può ricavare dalle multe, secondo questo rapporto del 2017 della Conferenza Nazionale delle Legislature di Stato. La Florida, ad esempio, ha approvato una legge nel 2015 che impone a un comune o a una contea di presentare un rapporto a una commissione di revisione legislativa se il totale delle entrate derivanti dalle citazioni paga più di un terzo delle spese annuali di un’agenzia locale di applicazione della legge. La Georgia ha una legge che presume che i dispositivi di rilevamento della velocità vengano utilizzati per scopi impropri se le multe che ne derivano coprono il 40% o più del budget dell’agenzia. New York, Oklahoma e Texas hanno approvato leggi simili. Un altro stato, il Missouri, ha approvato una legge nel 2015 che richiede che tutti gli introiti delle citazioni che superano il 10% delle spese di gestione siano consegnati allo stato per finanziare le scuole.

Ora questo è interessanteNel 1901, il Connecticut ha superato il primo limite di velocità per i veicoli a motore della nazione, che è stato fissato a 12 miglia all’ora (19 chilometri all’ora), secondo Connecticuthistory.org. Gli automobilisti dovevano anche ridurre la velocità quando incontravano un cavallo e fermarsi se l’animale appariva spaventato.

Lascia un commento