Nuovo Ancora una volta

La Ford F-100 del ’65 di Ken & Jane Callison

Vedi tutte le 18 fotoRich BoydwriterJames Haefner FotografoJan 30, 2006

L’area circostante Detroit, nel Michigan, è la patria di molte case automobilistiche americane e di una serie di aziende imprenditoriali che sostengono l’industria automobilistica. La periferia di Detroit ospita anche un buon numero di società di aftermarket automobilistico, come la ididit Incorporated di Tecumseh, che produce una varietà di piantoni dello sterzo per aste stradali, macchine stradali e camion classici personalizzati.

Tutti nel nostro hobby e nell’industria dell’auto da strada hanno sentito parlare di ididit, e molti sanno anche come l’azienda del piantone dello sterzo sia arrivata con il suo insolito nome (vedi www.ididitinc.com). Il pick-up Ford F-100 Ford F-100 del ’65 di colore blu intenso e bianco perla, presente su queste pagine, è di proprietà dell’amministratore delegato Ken e del CFO Jane Callison, proprietari di ididit, ed è un lavoro d’amore atteso da tempo. Tuttavia, la pazienza è spesso premiata con i migliori risultati.

Come molte storie che sentiamo, Ken originariamente voleva un furgone da officina che potesse guidare. Ma col passare del tempo, le modifiche al conveniente longbed Ford del ’65 lo portarono a un livello molto più alto di quello di un autista quotidiano. Dire che questo F-100 è un pickup personalizzato è un eufemismo enorme. Ma gli spettatori dovranno esaminare attentamente il telaio e le linee della carrozzeria per vedere le molte sottili modifiche. Il project manager e costruttore Chris Dixon di Toledo, Ohio, e Tom Rose di Manchester, Michigan, sono due nomi che dominano la scheda tecnica fornita da Ken. Gli aggiornamenti al telaio originale Ford includono i telai scatolati con un serbatoio in acciaio inossidabile da 17 galloni. I supporti del motore e del cambio personalizzati sono stati realizzati da Tom Rose. Essi individuano una Ford 351W V-8 sostenuta da una trasmissione Ford C6. Ulteriori dettagli del motore includono testate personalizzate della Wounded Knee Motors, che portano alle marmitte Bazzani in acciaio inossidabile. Sotto il motore c’è un’unità Fatman Fabrications IFS con freni a disco ventilati Classic Performance Products e un cilindro maestro cromato. Sotto il basamento c’è un rearend da 9 pollici sospeso da un TCI a quattro maglie completo di airbag Air Ride Technologies. Tutti i fori supplementari del telaio sono stati riempiti e levigati prima della verniciatura.

Ken e i due artigiani, Chris e Tom, hanno creato molte staffe di montaggio personalizzate e piccole modifiche alla carrozzeria, a partire da un’ingegnosissima taglierina da 4 pollici che include porte in stile hardtop. Esaminando i parafanghi anteriori e il cofano, Ken ha spiegato come i parafanghi siano stati stretti di 5 cm esattamente nella linea del carattere curvo per rendere meno ingombranti le linee di design della carrozzeria. Il cofano lisciato è ragionevolmente fornito con gli emblemi rimossi, e Tom Rose ha fabbricato la barra della griglia galleggiante personalizzata circondata da tubi rotondi. Da notare anche come i tergicristalli si ritraggono per nascondersi dietro il cappuccio e il cappuccio personalizzato. L’accesso alla cabina tagliata si effettua tramite un sistema a pulsante Ford montato a filo nel rivestimento esterno della portiera.

La carrozzeria di Dick’s Body Shop a Tecumseh, Michigan, ha eseguito alcuni lavori di carrozzeria minori, ma è stato Chris Dixon a occuparsi del montaggio prima della verniciatura. Quando Chris è stato soddisfatto dell’assemblaggio e dell’adattamento dei pannelli della carrozzeria, questi sono stati preparati alla perfezione e l’impeccabile vernice House of Kolor è stata applicata da Rocky e Dean Mattoni (e dalla squadra) della Rocky’s Body Shop di Toledo, Ohio. Infine, il camion è stato consegnato a Rob Barrera per la grafica unica che separa lo schema di vernice bicolore.

Anche l’interno di peluche ha ricevuto il trattamento di design completo, con un cruscotto personalizzato che utilizza finiture in alluminio che si incurvano nei pannelli delle porte – le curve rispecchiano perfettamente il trattamento grafico esterno. Gli strumenti a LED Dakota Digital forniscono informazioni vitali per il motore e si abbinano perfettamente alla verniciatura esterna della Casa di Kolor Majik Blue. Il signor Bill’s a Perrysburg, Ohio, ha personalizzato il telaio della panchina e i pannelli delle porte. Ha anche rivestito la console personalizzata fabbricata da Tom Rose. I materiali degli interni sono una combinazione rilassante di Garret/ Aveon Pearl rivestiti con Mystique Chardonnay, accentati con il velluto color caramello della Mercedes che ricopre il pavimento, e quando gli è stato chiesto di risolvere alcuni dei problemi di costruzione del suo camion, Ken ha rivelato che ci sono stati diversi contrattempi che hanno richiesto molto tempo. Il primo riguardava il letto già personalizzato; si è danneggiato quando un carico di tubi d’acciaio mal maneggiato è caduto su di esso. Grazie a Bill Mullins, un letto sostitutivo è stato localizzato in Arizona. Una seconda battuta d’arresto si è verificata dopo l’11 settembre, quando gli affari si sono fermati per settimane. Di conseguenza, il progetto del camion F-100 personalizzato è stato rinviato per qualche tempo.

Tutti i progetti di restauro di auto e camion incontrano problemi – forse non così significativi come questi, ma ogni ostacolo è stato affrontato a testa alta e superato. I risultati del team sono spettacolari e la deliziosa ricompensa è stata vedere la grande attenzione che il camion ha attirato e sentire i meritati complimenti al Callisons alla fiera SEMA 2005, dove è stata presentata la classica F-100 personalizzata. Ancora una volta, Ken può pronunciare quelle ormai famose parole: “Ce l’ho fatta… con un piccolo aiuto da parte dei miei tanti amici di talento!

Vedi tutte le 18 foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:\www.hotrod.com\uploads\sites\2006\01\0602cct-kens-p.jpg

Lascia un commento