Pontiac Trans Am – Il look Trans AM

Cos’è, come ottenerlo

Vedi tutte le 1 fotoDavid FreiburgerwriterHRM ArchivesphotographerFeb 1, 2002

No, come in SCCA, non come a Pontiac. Il che solleva un buon punto: Le stagioni di corse della Trans Am del 1966-1972 hanno influenzato il genere generale del gearheadedness molto più di quanto forse non si sappia. Ringraziamo quegli anni gloriosi non solo per l’omonimo TA, ma anche per i Boss 302 Mustang, i Javelin e gli AAR e T/A E-bodies di Mopar. Senza la Trans Am, né la Camaro Z/28 né il suo seminale 302 small-block 302 sarebbero esistiti. (Lo spostamento è stato un risultato diretto delle regole SCCA)

Il tutto è nato da una serie di corse su strada che ha avuto inizio a Sebring Raceway, in Florida, con il primo campionato Trans American Sedan, disputato nel marzo del 1966. Nel 1972 le regole erano andate fuori controllo, e i ragazzi come noi hanno smesso di preoccuparsi. Nel frattempo, però, leggende come A.J. Foyt, Parnelli Jones e Smokey Yunick erano stati coinvolti, e la serie aveva trasformato Mark Donohue (con 29 vittorie e il suo showroom della serie AMX) e Roger Penske in nomi famosi. Anche i locali erano leggendari: Riverside, Elkhart Lake, Limerock e altri.

Noterete che non c’è una striscia di trascinamento tra di loro. Quelle piste sono tutte tortuose, e non solo ovali di sinistra. 30 anni di auto da un quarto di miglio e l’entusiasmo per la NASCAR di massa ora separano lo zenit della Trans Am dai nostri lobi cerebrali lisci, ma con l’attuale impennata di interesse per il look Pro Touring, abbiamo pensato che fosse il momento di ricordarvi o di farvi conoscere la sua provenienza. Le prime corse della Trans Am riguardavano delle brutte macchinine V8 con carne grassa che giravano ruota a ruota intorno alla chicane. Le auto che gareggiavano hanno un’atmosfera inconfondibile, ed è una buona. Ci fa venire i brividi, in realtà. E’ elementare Pro Touring senza le ruote in billetta e l’aria condizionata; maneggiare le auto senza il vino e il formaggio.

Articolo molto interessante
Dicembre 2010 Pomona Swap Meet - Web Exclusive

Con questa storia, faremo del nostro meglio per sottolineare lo stile chiave della mistica Trans Am e per incoraggiarvi a costruire oggi un’auto che abbia questo look. Francamente, dovrebbe essere più facile, meno costosa e più appariscente che salire sul carrozzone della Pro Touring. Più gutturale. Sì!

Tre generazioni del ’66-’72 Abbiamo definito le prime sei stagioni come il periodo d’oro delle corse Trans Am, ma abbiamo scoperto che ci sono davvero quattro sottili ma importanti vibrazioni.

A) ’66: Il primo anno è stato in gran parte amatoriale, come si può capire guardando la foto A della gara del ’66 Riverside. I primi due anni sono stati caratterizzati da pony più piccoli, e il look è sempre stato caratterizzato da paraurti anteriore e posteriore senza paraurti, fari elettrici, rollbar semplici e scritte minime. Le foto di questo periodo rivelano caratteristiche di maneggevolezza non così raffinate come le vetture successive. Mentre questa ‘Stang ha gli americani, le ruote in acciaio di fabbrica extra larghe erano comuni.

B) ’67-’68: Con l’aumentare dell’interesse, le auto sono diventate più avanzate con lo scarico ad uscita laterale, le celle a combustibile montate sul bagagliaio con tappi a riempimento rapido attraverso lo scivolo di coperta e più strisce. Sotto cofano, si cominciò a vedere il doppio Quad, e gli interni erano più sventrati. Questo è Jerry Titus alla War Bonnet Raceway nel 1968.

Articolo molto interessante
1973 Chevrolet Camaro Suspension Install - Progetto F-Bomb - Il Gancio

C) ’69-’70: Quando le fabbriche sono state coinvolte, i paraurti sono tornati in funzione, presumibilmente per far apparire le auto come più stock. Queste auto avevano un telaio più avanzato, con spoiler sul mento, fari completamente smontati e linguette dei finestrini. George Follmer è mostrato nella Mustang che vinse la Bridehampton nel giugno del 1969, ma la foto è di Riverside dello stesso anno, dove ha distrutto l’auto; da allora è stata restaurata ed è ora di proprietà di Vic Edelbrock, che ha intenzione di gareggiare ancora una volta.

D) ’71-’72: Ai nostri occhi, le musclecars finali della Trans Am sono state costruite in modo molto simile alle giostre del ’69-’70, tranne per il fatto che i cambiamenti di stile del corpo per Mustang, Camaro, Firebird e AMX hanno fatto una grande differenza nel look. Questo è stato anche un momento in cui sono entrati in gioco i razzi parafango, soprattutto sulle Camaros.

Cosa costruire? Cloni Trans Am molto sicuri* ’66-’68 Mustang* ’66-’68 Mustang* ’69-’70 Mustang* ’68-’72 Camaros e Firebirds* ’71-’72 Javelin AMXs* ’70 Challenger e Barracudas

Anche Cool, But Less Expected* ’66 Dodge Darts e Plymouth Barracudas* ’70-’72 Ford Pintos* ’70-’72 Mavericks* ’68-’70 AMXs* ’70-’72 Dusters and Darts

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:\www.hotrod.com\uploads\sites\2002\02\hrdp-0202-01-ps-pontiac-trans-am-racing-view-front-view.jpg

Lascia un commento