Possiamo realizzare dei tubi di scarico che catturino la CO2?

Galleria immagini: Questioni ambientali Smog su Pechino, Cina, nel maggio 2008. La nazione è il maggiore emettitore di anidride carbonica; gli Stati Uniti sono al secondo posto. Vedi altre immagini di questioni ambientali. Guang Niu/ Immagini di Getty

In tutto il mondo, le persone sono sempre più preoccupate per le emissioni di anidride carbonica (CO2). Certamente, gli scettici del cambiamento climatico pongono ipotesi ragionevoli che suggeriscono che i cambiamenti climatici sono solo un ciclo naturale e globale – e noi esseri umani dovremo semplicemente cavalcare l’onda. Ma l’idea che gli esseri umani stiano contribuendo al cambiamento climatico sta diventando sempre più accettata. In risposta, gli scienziati stanno pensando a come ridurre le emissioni di gas serra (GHG) degli esseri umani.

Un modo è quello di creare combustibili che non producono anidride carbonica come sottoprodotto, come fanno i combustibili fossili. I biocombustibili come l’etanolo cellulosico ricavato dal mais o dall’erba sintetica emettono ancora CO2 quando vengono bruciati per ottenere energia, ma in quantità molto minori – fino all’85% in meno [fonte: Wang ]. Bruciando l’idrogeno per alimentare un’auto non si produce anidride carbonica; l’unico sottoprodotto è l’acqua. E l’elettricità prodotta da risorse rinnovabili come l’energia eolica o solare non produce alcuna emissione.

Pubblicità

Il problema di queste tecnologie è che sono ancora in fase di sviluppo. I ricercatori stanno affrontando ostacoli come il costo e il rapporto netto di energia — l’input di energia rispetto all’output di energia — che rendono il petrolio più attraente rispetto alle fonti di combustibile alternative. Questo è significativo, perché il nostro mondo è alimentato dal petrolio. Dagli aerei che rendono possibili i viaggi, ai camion che trasportano il cibo e alle centrali elettriche che producono la nostra elettricità, il petrolio domina l’economia globale.

Articolo molto interessante
Ecco perché tutti parlano del sistema autopilota Tesla

E’ una bella domanda: Se dipendiamo dal petrolio ma siamo preoccupati per le emissioni di anidride carbonica, perché non catturiamo semplicemente la CO2 che emettiamo?

In realtà, i ricercatori stanno esaminando la questione proprio ora. Il professor Chris Jones del Georgia Institute of Technology (Georgia Tech) e il suo team hanno elaborato un materiale chiamato aminosilica iper ramificata (HAS) che cattura e immagazzina le emissioni di anidride carbonica.

Troveremo presto dei tubi di scappamento sulle auto costruite in HAS, e comunque cos’è esattamente questo materiale? Scopritelo alla pagina successiva.

Lascia un commento