Pre-1949 Dogana

Coachcraft built this high-end 1941 Mercury for Peter Stengel, the son of a high-placed GM engineer. It utilized a 1940 Ford truck chassis and 1940 and 1941 Mercury body panels. See more custom car pictures. Coachcraft ha costruito questo Mercury di fascia alta del 1941 per Peter Stengel, figlio di un ingegnere GM di alto livello. Ha utilizzato un telaio per autocarri Ford del 1940 e pannelli della carrozzeria Mercury del 1940 e 1941. Vedi altro immagini di auto personalizzate .

Anche se la scena era ancora agli albori, l’estetica dell’auto personalizzata si era praticamente affermata già nel 1940. Per la dogana antecedente al 1949, la strada da percorrere era lunga e bassa.

Convenzioni come i nasi rasati, i ponti e le maniglie delle porte, i piani tagliati e le posizioni abbassate erano già consolidate. I top Carson e i parabrezza DuVall erano stati sviluppati a metà degli anni ’30. Mentre nel 1936 i Ford erano i primi a personalizzare i preferiti, nel 1938-1940 i Ford e i Mercury, e nei primi anni ’40 anche le Chevys si rivelarono popolari.

Galleria immagini auto personalizzate

Coachbuilders come Coachcraft, Bob Lee Cadillac, e Bohman & Schwarz eseguivano lavori di alto livello su auto costose, ma erano gli outfit più piccoli gestiti da Jimmy Summers e Roy Hagy a Los Angeles e Harry Westergard a Sacramento a svolgere il tipo di lavoro che la comunità custom avrebbe abbracciato.

I primi tifosi custom sono emersi dalla folla ribelle dei giovani hot rod. Non avevano i soldi per comprare Buick, Cadillac, Lincoln e Packard – o per pagare costosi carrozzieri – ma volevano che le loro auto condividessero l’aspetto di quelle costruite in carrozzeria o di quelle di serie ad alto costo.

Articolo molto interessante
1937 Chevrolet Master e Master DeLuxe

Westergard è ampiamente riconosciuto come il padre del primo look personalizzato, che di solito coinvolgeva una Ford coupé del 1936 con un top tritato, griglia LaSalle verticale, fianchi del cofano solido, una targa incassata, gonne parafango posteriore, e fari Chevy modellati nei parafanghi.

Alla Westergard vengono spesso accreditate anche le porte a pulsante originarie che utilizzano solenoidi per l’apertura elettrica e consentono la rimozione delle maniglie delle porte.

Un ragazzo patito di automobili di Sacramento di nome George Barris lavorò per la Westergard alla fine degli anni ’30, poi si trasferì nel sud della California all’inizio degli anni ’40 e portò con sé molti dei trucchi della Westergard. Barris aprì il suo negozio durante la guerra, eseguendo lavori su misura.

Suo fratello Sam lo raggiunse dopo la guerra, e insieme i due partirono, inventando nuove tecniche, perfezionando quelle vecchie e dando ad ogni auto il suo carattere. Anche altri fecero parte dell’ondata, tra cui Al e Gil Ayala, Neil Emory e Clayton Jensen della Valley Custom, e Joe Bailon.

La maggior parte delle customizzazioni di look lungo e basso che si cercava di ottenere durante gli anni ’40 è stata resa più facile con il rilascio di auto a tutto volume a partire dal 1948 e culminata con la Mercury del 1949. Infatti, la personalizzazione delle Mercury del 1949 avrebbe reso la scena del custom più popolare che mai.

Articolo molto interessante
1955-1963 Mercedes-Benz 190SL

Per saperne di più sulle auto personalizzate e le hot rod, vedi:

  • Storia delle Hot Rods
  • Profili auto personalizzati
  • Profili ad asta calda

Lascia un commento