Quanto dura il radiatore di un’auto?

Galleria immagini: Sicurezza dell’auto La maggior parte dei meccanici automobilistici concordano sul fatto che un radiatore sottoposto a corretta manutenzione deve durare almeno dagli otto ai dieci anni. Vedi altre immagini di sicurezza auto . iStockphoto/ Thinkstock

Un motore di un’automobile spreca molta energia sotto forma di calore. Se non viene controllato, quel calore può accumularsi e iniziare a danneggiare non solo il motore stesso, ma anche le parti circostanti. È importante, quindi, che la temperatura del motore della vostra auto sia mantenuta al di sotto di un certo livello. Questo compito spetta al sistema di raffreddamento, che pompa il liquido di raffreddamento – di solito acqua miscelata con glicole etilenico (alias antigelo) – attraverso il motore per assorbire il calore. Una volta riscaldata, l’acqua viene fatta circolare nuovamente verso il radiatore, dove il calore viene trasferito alle alette di raffreddamento e irradiato nell’aria. Questo raffredda la miscela di acqua e antigelo, che può quindi ripetere il suo viaggio attraverso il motore.

Senza un radiatore per rimuovere il calore dal liquido di raffreddamento, la vostra auto si surriscalderebbe rapidamente e il motore inizierebbe a distruggersi da solo. Quindi avere un radiatore funzionante nella vostra auto è essenziale per il corretto funzionamento del veicolo. Ma per quanto tempo potete aspettarvi che il vostro radiatore continui a fare il suo lavoro? La maggior parte dei meccanici ritiene che un radiatore correttamente mantenuto dovrebbe durare almeno dagli otto ai dieci anni. I radiatori in metallo più vecchi, se ben mantenuti, possono durare per tutta la vita dell’auto, ma i radiatori moderni sono per lo più in plastica piuttosto che in metallo, e la plastica si espande e si contrae man mano che il radiatore si riscalda e si raffredda. Con il tempo questo porta a delle crepe, anche se è raro che ciò avvenga in meno di un decennio.

Articolo molto interessante
Come funzionano i tergicristalli

Pubblicità

Per ottenere la massima durata di vita del radiatore, è importante che il sistema di raffreddamento venga lavato via tutte le volte che il manuale dell’auto lo suggerisce, in modo che la miscela di acqua e antigelo continui a fluire correttamente. E, naturalmente, assicurarsi che il radiatore contenga sempre il giusto livello di refrigerante, poiché il refrigerante può fuoriuscire quando il radiatore si surriscalda. Se trovate spesso che il livello di refrigerante è troppo basso, può significare che c’è una perdita. Portate l’auto da un meccanico per dare un’occhiata al vostro sistema di raffreddamento.

Altri potenziali problemi includono fascette stringitubo arrugginite, corrosione al nucleo di alluminio e problemi con il termostato che regola il flusso del refrigerante. I problemi del termostato causeranno un frequente surriscaldamento, che è un problema che si dovrebbe verificare il più rapidamente possibile.

Abbiate cura del vostro radiatore e dovrebbe rimanere con voi per un bel po’ di tempo – forse anche per tutta la vita della vostra auto.

Per ulteriori informazioni sui radiatori e su altri argomenti correlati, seguire i link sottostanti.

Articoli correlati

  • Top 10 delle tecnologie automobilistiche quotidiane che provengono dalle corse
  • Quanto durano gli alternatori?
  • Quanto durano i motori automobilistici?
  • Quanto durano le trasmissioni?
  • Quanto dura una pompa dell’acqua?
  • Quanto dura un catalizzatore?
  • I pneumatici auto devono avere una data di scadenza?
  • Cos’è un indicatore di vita dell’olio?
Articolo molto interessante
10 modi per individuare un'auto danneggiata da un'inondazione

Fonti

  • Duchene, Charles Scott. Midas Muffler su Sepulveda Blvd. a Los Angeles, California. Intervista personale realizzata il 3 agosto 2010.
  • Radiator.com. “Manutenzione delle parti del radiatore”. (3 agosto 2010)http://www.radiator.com/article-radiator-maintenance.html
  • Torosyan, Sarkis. Responsabile del servizio presso la Miller Honda a Culver City, Calif. Intervista personale condotta il 3 agosto 2010.

Lascia un commento