Quanto dura un catalizzatore?

Galleria immagini: Sicurezza auto Come si fa a capire se il gatto della tua auto è fuori uso? Vedi altre immagini sulla sicurezza dell’auto . Jupiterimages/Photos.com/ Thinkstock

Anche se non si guida un veicolo ibrido-elettrico, se si possiede un’auto, è probabile che sia dotata di un’attrezzatura “verde” molto importante.

Questo elemento sarebbe il catalizzatore — un contenitore metallico che elimina i sottoprodotti inquinanti dai gas di scarico del motore dell’auto prima che possano fuoriuscire nell’atmosfera.

Pubblicità

Quindi, come si fa a capire se il catalizzatore del vostro veicolo, o “gatto” come testa del cambio a volte si riferisce ad esso, è fuori uso? E quando si dovrebbe contare di doverlo sostituire?

La verità è che, sui veicoli moderni, il catalizzatore dovrebbe durare la vita dell’auto o del camion, data una vita “media” di circa 100.000 miglia (160.934 chilometri). Meno male, perché questo componente per auto utilizza metalli rari, preziosi e quindi costosi come l’oro, il palladio o il rodio. Essi fungono da catalizzatori nelle reazioni chimiche che convertono gli ossidi di azoto, il carburante incombusto e il monossido di carbonio, inquinanti per l’aria, in azoto, anidride carbonica e acqua.

Detto questo, a volte le cose vanno male con le marmitte catalitiche prematuramente. Un colpo brusco all’unità, dopo, ad esempio, facendo saltare il fondo del veicolo, potrebbe danneggiare il materiale del catalizzatore o l’involucro metallico dell’unità, bloccando il flusso dei gas di scarico dal retro (e danneggiando le prestazioni del motore). Un motore che brucia troppo olio potrebbe anche usurare un catalizzatore prima del suo tempo. Inoltre, alcuni additivi del carburante possono (e lo fanno) contrastare e far invecchiare prematuramente i catalizzatori.

Articolo molto interessante
Come cronometrare dinamicamente un motore

A volte il proprietario di un’auto può sentire i cattivi odori che provengono dal motore o dal sistema di scarico. I tecnici delle poltrone spesso danno la colpa del funk a un convertitore catalitico che non funziona – ma potrebbe essere qualsiasi cosa, quindi è meglio far controllare da un tecnico autorizzato.

C’è un caso in cui saprete con assoluta certezza che il vostro catalizzatore deve essere sostituito. E cioè, se viene rubato!

Sì, è triste ma vero: soprattutto in tempi di crisi economica, i ladri amano rubare le marmitte catalitiche dai veicoli parcheggiati per incassare i metalli costosi all’interno. Qualsiasi veicolo può cadere preda, anche se le notizie di cronaca dicono che i camion e i SUV di alto livello sono i bersagli più succosi. Un ladro può facilmente scivolare sotto un camion e usare una sega o una chiave inglese per rimuovere la marmitta catalitica dal sistema di scarico.

La notizia relativamente buona è che le marmitte catalitiche sono prive di parti mobili e più o meno esenti da manutenzione. A differenza di pneumatici, filtri o parti dei freni, il catalizzatore di un veicolo moderno non dovrebbe richiedere una sostituzione frequente, se non addirittura nessuna.

Per ulteriori informazioni sulle marmitte catalitiche e altri argomenti correlati, seguire i link sottostanti.

Articoli correlati

  • Top 10 delle tecnologie automobilistiche quotidiane che provengono dalle corse
  • Quanto durano gli alternatori?
  • Quanto durano i motori automobilistici?
  • Quanto durano le trasmissioni?
  • Quanto dura una pompa dell’acqua?
  • I pneumatici auto devono avere una data di scadenza?
  • Cos’è un indicatore di vita dell’olio?
Articolo molto interessante
Come creano le auto saltellanti che si vedono nei film?

Fonti

  • Il collegamento dell’auto. “Emissioni e voi – non è solo aria calda… è mantenere la vostra auto in salute”. 30 dicembre 2005. (7 agosto 2010) http://www.businessweek.com/autos/content/dec2005/bw20051230_650527.htm
  • Istituto Politecnico di Worcester. “Il convertitore catalitico”. (6 agosto 2010) http://www.wpi.edu/about/history/catalytic.html
  • Sì, Kimberly. “In meno di due minuti: Furto del convertitore catalitico”. Edmunds.com. (5 agosto 2010) http://www.edmunds.com/advice/insurance/articles/132109/article.html

Lascia un commento