Restauro della targa d’epoca – Perfezione della targa

Vedi tutte e 5 le fotoRandy LorentzenphotographerSteve DulcichwriterMar 15, 2011

Se si ha la fortuna di avere il set di targhe originali, è probabile che siano stanche come il resto della macchina. Qui l’uso della strada ha un prezzo da pagare, e con le targhe degli anni Settanta e precedenti, stiamo parlando di unità che sono tutte di molti decenni. Come minimo si può avere a che fare con la vernice sbiadita, ma anche le ammaccature e i danni al metallo ad essa associati sono troppo comuni. Una soluzione rapida in questo caso sarebbe un semplice scambio con un set di targhe appena emesse, ma nel rigirare gli originali, si sta anche rigirando un po’ della storia del veicolo. Molti appassionati preferiscono avere targhe che si adattano all’epoca del veicolo, e spesso queste targhe presentano una combinazione di colori unica nel suo genere.

Nel caso di Le Mans di Sean Lorentzen del 1972, le targhe originali originali erano ancora con l’auto, per il fatto che era stata continuamente registrata da nuova. Le targhe blu della California hanno sostituito la serie di targhe nere nel 1969, e questa combinazione fornisce una bella armonia con la grafica blu presente nello schema di verniciatura dell’auto. Come ci si poteva aspettare, le targhe avevano bisogno di essere restaurate come il resto della vettura.

Articolo molto interessante
Prove di un costruttore della prima volta

Il restauro di una serie di piastre è un compito intrapreso con le stesse tecniche di base di qualsiasi altro tentativo di verniciatura e di carrozzeria. Il primo passo è quello di correggere eventuali ammaccature e ammaccature, lavorando la piastra con un martello e un carrello, proprio come attaccare un’ammaccatura in un parafango. Le piastre soggetto qui erano in condizioni generali abbastanza buone, ma ha richiesto un po ‘di lavoro delicato martello per raggiungere la perfezione. Poi c’è la preparazione della superficie. Le piastre possono essere spogliate, riempite e carteggiate, proprio come qualsiasi altra parte della macchina. Queste sono state semplicemente levigate e dotate di un buon rivestimento di primer per la preparazione. Il surfacer è stato poi levigato liscio con un tampone a mano utilizzando carte abrasive a grana 180-320-400, e poi girato con il colore di sfondo. Le scritte in rilievo e i numeri di targa sono stati poi dipinti a mano nel giusto giallo con un pennello a strisce

E se alla vostra auto mancassero le targhe originali d’epoca? Molti stati hanno programmi che permettono di utilizzare un set di targhe d’epoca su un veicolo a cui non sono state originariamente rilasciate. Controllate la vostra Motorizzazione locale e informatevi sulle loro regole sulle targhe Year Of Manufacture (YOM). Queste regole di codice del veicolo sono create appositamente per consentire agli appassionati di aggiungere le targhe “corrette” a una corsa d’epoca.

Articolo molto interessante
Maggio 2011 Suggerimenti per la lavorazione dei metalli del Professor Hammer

Vedi tutte e 5 le foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP

Lascia un commento