Ripristino di parti in alluminio d’epoca – Nuovo aspetto per la vecchia lega

Il restauro di parti in alluminio d’epoca è più di un semplice viaggio nell’armadio di sabbiatura

Vedi tutte le 16 fotoBrad OcockwriterMay 1, 2011

Sembra quasi che un negozio oggi non possa sopravvivere senza una vetrina a perline. Mentre un costruttore professionista non può certo farne a meno, l’economicità e l’efficienza ne hanno fatto un’attrezzatura che l’appassionato di casa di solito non ne è privo.

Il primo passo per dare nuova vita a qualsiasi parte vintage è ripulire da decenni di sporco e ossidazione. Una volta che il grasso è stato tagliato nella lavatrice delle parti o con qualche detergente spray, non c’è niente di meglio di una sabbiatrice. Nel corso degli anni abbiamo consumato diverse ruote di filo metallico sulla smerigliatrice da banco e tazze di filo metallico su una smerigliatrice ad angolo retto per rimuovere ruggine e vernice dalle parti. Ora che abbiamo una sabbiatrice, il nostro tempo passato a rimettere a nuovo i pezzi è stato tagliato almeno a metà, le nostre orecchie non fischiano per aver fatto funzionare la sabbiatrice, non abbiamo perso nessuna impronta digitale dalle ruote metalliche ultimamente, e non stiamo soffiando fuori dal naso caccole nere dalla roba che le ruote metalliche lanciano in aria. Gli armadietti sono veloci, la polvere è contenuta, e sono sempre pronti a partire.

Quando si tratta di far saltare il metallo, esistono tanti tipi diversi di media quanti sono i metalli, che coprono tutto, dai gusci di noce frantumato relativamente blando al carburo di silicone aggressivo. Per la pulizia generale, le perle di vetro sono di gran lunga le preferite sia dai professionisti che dagli appassionati della casa, poiché le perle di vetro si spogliano rapidamente della ruggine e della vernice senza danneggiare il metallo di base, particolari pezzi di alluminio morbido che non mancano sulle nostre bacchette calde. Beh, in realtà non danneggiano, ma le perle di vetro influiscono sulla finitura superficiale.

Nel corso degli anni abbiamo notato che c’è una netta differenza tra i pezzi di alluminio fuso come consegnati e l’alluminio con perline di vetro. Sia che abbiamo notato collettori di aspirazione vintage N.O.S. di Edmunds e Edelbrock, o qualcosa come i coperchi delle valvole Nailhead o Corvette in alluminio alettato di fabbrica o le prese d’aria in alluminio OE che avremmo visto nelle foto originali di fabbrica, c’era sempre la stessa differenza: il materiale originale sembra liscio e ha un colore grigio-argento opaco, mentre l’alluminio con perline di vetro sembra sempre avere una struttura molto fine alla superficie e una lucentezza bianca innaturale.

Articolo molto interessante
Pit Stop - Domande di carattere tecnico

Oltre al dettaglio della finitura superficiale done-at-home, l’alluminio è abbastanza fragile, e anche se le parti di fabbrica hanno spesso bisogno di una certa attenzione, sono le parti di velocità d’epoca che di solito sono nella forma peggiore. Mentre i pezzi fusi in fabbrica, come le benne dei fanali posteriori o le finiture dei cruscotti, sono di solito in forma decente, le parti hot rod sono state installate e disinstallate da meccanici da weekend maldestri o corridori in fretta e furia da quando erano nuove, e quando non sono state spogliate, incrinate e rotte per eccesso di zelo, sono state fatte rimbalzare sugli scaffali dei negozi e gli scambi si sono incontrati negli ultimi 40 anni. In breve, il loro trattamento non è stato di solito gentile.

Quando si tratta di parti in alluminio, ritagliare filettature o aggiungere Helicoils è una cosa che la maggior parte di noi è in grado di fare. Il vantaggio dell’alluminio è che è facilmente saldabile, quindi un po’ di abile lavoro con una saldatrice TIG, e abbiamo visto più di qualche cassa trans a quattro velocità con orecchie saldate o un blob di saldatura su una presa, ma è dove la maggior parte delle persone lo chiama bene. Alcuni lavori di dettaglio con smerigliatrici e bave fanno sembrare migliore una riparazione, ma questo è il massimo che la maggior parte di noi può fare.

Doraville, il georgiano Lamar Walden ha un curriculum impressionante che risale ai primi anni ’60, compreso l’essere stato un corridore di Pro Stock sostenuto dalla fabbrica. Avendo stabilito record Pro Stock e costruito motori da record per altri per oltre 40 anni, ha un’attenzione per i dettagli a dir poco superiore alla media. È questa attenzione al dettaglio che lo ha reso anche un esperto restauratore di auto, e anche se non si potrebbe pensare di portare in un’officina meccanica restauri di alto livello per far allineare il telaio e i pannelli della carrozzeria, in un dato mese ci sono Corvette degli anni ’50 e ’60 o muscle car in officina che vengono messe insieme per la concorrenza giudicata.

Articolo molto interessante
Maggio 2011 Suggerimenti per la lavorazione dei metalli del Professor Hammer

Vedi tutte le 16 foto

Quarant’anni di lavorazione e restauro hanno presentato molte opportunità per affrontare i problemi da diverse direzioni, e per i lavori di restauro dei concours, Lamar e suo figlio, Rob, avevano bisogno di un modo per restaurare l’alluminio fuso in modo che sembrasse che lo fosse quando la fabbrica lo installava sulle auto, piuttosto che quando un tizio di vetro lo perlinevadeva nel suo garage e lo imbullonava.

Abbiamo visto i Walden riparare e restaurare prese d’aria in ghisa, blocchi e campane incrinate o rotte, così come parti in alluminio, e abbiamo parlato spesso con loro del loro processo di scuoiatura dell’alluminio. La finitura che ottengono è in linea con quella che abbiamo sempre pensato dovesse essere: liscia, grigio opaco, e non un po’ porosa o biancastra.

Quando si è solo perlina di vetro alluminio Lamar ci ha detto, si aprono i pori e assorbe qualsiasi olio o gas. I pori aperti lasciano anche ossidare più rapidamente, aggiunge Rob, che li fa sembrare vecchi e squallidi prima del loro tempo. Con il processo di scuoiatura di Lamar, i pori sulla superficie del pezzo sono chiusi, il che non solo dà al pezzo la giusta finitura e inibisce l’ossidazione, ma impedisce alle parti di assorbire grasso e sporco. Pulire e dettagliare è semplice come dargli un colpo di WD-40 e pulirlo.

È comprensibilmente protettivo nei confronti del processo, quindi non stiamo mostrando l’ultimo passo, ma non è così orgoglioso del lavoro che si fa pagare in modo ridicolo. Dopo che un pezzo di alluminio fuso esce dal trattamento di Lamar, sembra che sia stato appena versato da stampi buoni in fonderia, invece di sembrare una roccia lavica metallica porosa.

Articolo molto interessante
Nessun rifornimento di carburante

Il loro processo di restauro non finisce qui, anche se oltre a riparare i danni e a ricreare le sezioni mancanti, hanno anche rielaborato l’intera superficie di accoppiamento delle guarnizioni, il che ha dato risultati sorprendenti a nostro avviso: La maggior parte dei collettori di aspirazione è deformata ora, dice Lamar, e quindi si realizzano le superfici, eliminando le guarnizioni che perdono. Gli abbiamo fatto fare una vecchia presa Edelbrock C3B per il nostro autista giornaliero, e le superfici di montaggio delle guarnizioni di aspirazione dovevano essere fresate da 0,030 pollici prima di essere nuovamente squadrate.

Lamar è conosciuto a livello nazionale come un guru della Chevrolet 409, quindi quando gli abbiamo chiesto se poteva mettere insieme qualcosa per questa storia, Rob ha camminato fino alla pila di 409 prese e ha trovato un candidato adatto per noi per vederlo risanare. Quella che ha preso dalla cima del mucchio sembrava una cosa trovata nel bosco, ma una volta finito, giurereste che la cosa era N.O.S.

L’esplosione delle perline ha rivelato la presenza di un bullone di montaggio incrinato, e con un piccolo sforzo l’ha rotto. Sono comuni anche i fori per l’invio della temperatura e i tappi per tubi.

Vedi tutte le 16 foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP

Lascia un commento