Road Ragin’ ’56 – 1956 Pannello Ford F-100

Bernie’s Daily Driver Runs Wild

Vedi tutte le 20 fotoJohn GilbertwriterSep 18, 2006

Non è una storia insolita, in realtà; infatti, di solito è così che finisce chiunque abbia mai personalizzato un vecchio camion. Un tizio si costruisce un autista giornaliero pulito, e subito dopo si ritrova con la testa tra le nuvole.

Per Bernie Gates di Laguna Hills, California, la storia della sua Ford F-100 del 1956 è iniziata nell’estate del ’64, quando il dodicenne ha imparato a fare la carrozzeria presso la carrozzeria del padre a Whittier, California. Quando Bernie compì 16 anni, lui e suo padre stavano facendo a pezzi un pickup Ford del ’56 che Bernie aveva comprato e lo stavano ciliegiando. Equipaggiata dalla fabbrica con un motore a 6 cilindri da 223 pollici e un overdrive con ingranaggi 4.11:1, la ’56 era la perfetta cruiser del liceo.

Anche se il piccolo e grazioso pick-up del ’56 era carino, un furgone Ford del ’56 si sarebbe adattato meglio alle sue abitudini sentimentali. Ma una volta finito il liceo e lavorando a tempo pieno nella carrozzeria Whittier di suo padre, Bernie ha venduto il suo pickup del ’56 e ha comprato una Harley-Davidson Knucklehead del ’47. Bernie ha tagliato il collo della Knuckle da 5/8 di pollice, ha appeso un frontend a molla da 18 e ha cambiato il cambio a serbatoio con un cambio a fantino con una frizione suicida. Naturalmente, essendo un corporista e un pittore, Bernie ha modellato il telaio delle nocche tagliuzzato e ha posato su un giusto lavoro di verniciatura personalizzato.

Il maiale tritato era buono per fare la scena della datazione, ma Bernie aveva ancora un pannello del ’56 incastrato nel retro della sua mente. Anche nei primi anni ’70, trovare un pannello Ford del ’56 decente non era così facile da fare. Un giorno, mentre Bernie era al lavoro, un cliente gli raccontò di un pickup Ford del ’56 che aveva fatto saltare in aria, e dopo qualche anno di spazio nel suo garage decise che non voleva rimetterlo a posto. Quando Bernie si presentò a casa del tizio, scoprì che il ’56 era una grande vetrina. È bastato questo. Bernie lo caricò su una roulotte e non si fermò di lavorare fino a quando il pickup non fu un’usanza leggera e affilata, con un’impeccabile verniciatura nera pura.

Nel corso del tempo Bernie ha ristretto le sue abitudini di appuntamento a una sola ragazza e l’ha sposata. Il matrimonio ha avuto un effetto calmante su Bernie. Le sue aspirazioni si trasformarono presto nel seguire le orme del padre. Nell’84 Bernie e sua moglie Laurie aprirono la Prestige Auto Collision a Mission Viejo, California. L’occhio estremo per i dettagli che Bernie ha imparato da suo padre, Larry Gates, ha dato i suoi frutti. Entro due settimane dall’apertura Bernie e Laurie si erano aggiudicati l’attività di collisione del concessionario locale Mercedes-Benz. Da allora Prestige Auto Collision è passata da 10.000 piedi quadrati a 35.000 piedi quadrati ed è una delle poche carrozzerie indipendenti negli Stati Uniti certificate da Mercedes-Benz.

L’individuazione di un pannello Ford del ’56 da personalizzare è rimasta nella lista dei desideri di Bernie negli ultimi 30 anni. “Mia moglie si è stancata di sentirmi piagnucolare per aver trovato un pannello del ’56, così mi ha detto: ‘Vai a cercarne uno’. ‘” Dopo tre anni di ricerche, Bernie ha trovato un pannello Ford del ’56 a Fullerton, California, e l’ha portato a casa. Beh, almeno per i primi due chilometri. “Era guidabile, ma solo per circa due miglia. Sono stati i due chilometri più spaventosi che abbia mai percorso”. Bernie finì per chiamare un demolitore per rimorchiare la casa del ’56.

Il giorno dopo Bernie e la sua troupe strapparono il ’56 fino al telaio nudo e scoprirono che, a parte un po’ di ruggine nei soliti punti sui montanti A, sotto i parafanghi e nella parte inferiore delle porte, era in gran forma. “Il primo ordine del giorno fu quello di trasportare la carrozzeria con tutte le sue parti fino alla sabbiatura di Orange County. Mia moglie mi comprò un girarrosto per il mio compleanno quell’anno, così lo includemmo nella carrozzeria. Mentre era alla sabbiatrice, ho chiamato la Walton Fabrication di Upland, California, per costruire un telaio personalizzato. Mi invitò a dare un’occhiata al suo processo di fabbricazione. Rimasi impressionato, e ordinai il mio telaio”.

Naturalmente, la carrozzeria del ’56 di Bernie è assolutamente incredibile. Herman Ritchie, il tecnico metallurgico di Prestige Auto Collision, “ha passato un’incredibile quantità di ore a fabbricare e montare tutto sul camion. Entrambi i miei pittori, William ‘Willie’ Wipperman e Alberto Rodriquez, hanno passato ore e ore a preparare e dipingere il pannello”. Quando è arrivato il momento di dipingere il pannello della Ford F-100 del ’56, Bernie si è affidato alla Color Masters Paint Supply di Laguna Hills, California, per i materiali. “Mickey Gill ha aiutato a ottenere il colore giusto. Ha passato due giorni a spruzzare pannelli di prova fino a quando non siamo stati soddisfatti del colore – grazie, Mickey!

“Voglio dire un ringraziamento speciale a Rob Green. Senza l’aiuto di Rob, il mio pannello del ’56 non sarebbe mai stato finito e non sarebbe mai stato il camion molto speciale che è ora. Rob è diventato il project manager, sempre alla ricerca di parti e metodi. Rob mi ha costantemente ricordato che mia moglie mi ha detto di costruire il mio camion esattamente come lo volevo veramente”. Bernie ci ha detto che tutti i suoi vecchi camion e le sue aste stradali in passato sono stati autisti giornalieri puliti, ma niente in confronto a come è venuto fuori il suo pannello del ’56. Ha speso ben oltre 100.000 dollari per costruire il camion, e sua moglie non ha menzionato nemmeno una volta quanto sia costato costruire il suo pannello. Bernie ci ha detto: “Bisogna davvero amare una moglie che ti dice di costruirlo come lo vuoi veramente”.

Vedi tutte le 20 foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites20069609cct-p-1956-ford-f-100-panel-.jpg

Lascia un commento