Salone internazionale dell’industria automobilistica – Takin’ The Green

Torna a casa a Indianna

Vedi tutte le 1 fotoRob FisherwriterJan 18, 2010

Quella canzone avrebbe potuto facilmente essere il tema della fiera inaugurale IMIS che si è svolta dall’1 al 3 dicembre a Indianapolis. Si tratta di uno spettacolo nuovo di zecca e l’intera banda del Circle Track si è recata a Indy per dare un’occhiata. Quello che abbiamo trovato è stata un’energia e un’emozione, sia da parte degli espositori che dei partecipanti, che non vedevamo da tempo.

Mentre Circle Track non ha partecipato alla mostra, noi siamo stati in mostra dall’apertura alla chiusura. Sia io che Bob Bolles siamo rimasti colpiti; molto colpiti da tutto ciò che abbiamo visto. La mostra è stata ben gestita. Il flusso di traffico è stato costante e solido dal momento in cui le porte si sono aperte alle 9 del mattino fino a poco prima della chiusura alle 18. E la maggior parte degli espositori con cui abbiamo parlato sono stati soddisfatti dei loro risultati. Abbiamo trovato un mucchio di nuovi prodotti che vedrete nei prossimi numeri, abbiamo avuto una grande storia e idee di progetti per il 2010, e in generale abbiamo fatto un viaggio molto utile.

Tra i nuovi prodotti che abbiamo visto c’era anche una nuova pastiglia per freni per sistemi a pinza singola che si trova su Modifieds, Street Stocks, o simili della società Cobalt, con sede in Florida. Poi c’è stata la nuova barra di ondeggiamento di Coleman, di cui potete saperne di più a pagina 94. E non potevamo dimenticare i nuovi comandi a due e tre maniglie di Quick-Shift, né il nuovo tessuto ignifugo in aramide Glen-Guard, di cui sentirete parlare nei prossimi numeri di Circle Track. Ho anche ricevuto una lezione sulle restrizioni per la testa e il collo da Nicole Ashline della Safety Solution. Come potete vedere, sto ascoltando con attenzione quello che mi sta dicendo. La nostra conversazione ha dato vita a un’idea per una buona storia sulla sicurezza che vedrete nel prossimo futuro.

Articolo molto interessante
Copertine HOT ROD - Gli anni '40

In realtà amo andare alle fiere e le conversazioni come quella che ho avuto con Nicole sono solo uno dei motivi. Siamo dei geek di questa rivista e possiamo ottenere una stagione di idee per articoli da una buona fiera. Ma una buona fiera è anche un momento perfetto per connettersi con una sezione trasversale di corridori provenienti da tutto il paese. All’IMIS ho visto tutti, da Tim McCredie a Donny Schatz a Brad Neat a Tony Stewart e persino Linda Vaughn-yup la Miss Hurst originale era lì anche di persona.

Nel complesso, l’umore di quasi tutti i presenti era ottimista, davvero ottimista. Molti degli espositori con cui abbiamo parlato stavano già riservando lo spazio per il 2010 il secondo giorno di fiera, con alcuni che hanno addirittura migliorato le dimensioni del loro stand. Altri produttori che non erano presenti, ma stavano camminando a terra, si lamentavano del fatto di aver perso una buona opportunità di vendita.

Nel corso del primo giorno della manifestazione è stato annunciato che IMIS ha concluso un accordo per rimanere a Indy almeno fino al 2015. Dal nostro punto di vista, l’anno numero uno è stato un successo. Naturalmente, IMIS è stata molto ovale, la corsa su pista, il nostro pane e il nostro burro qui a questa rivista. Quindi sapete che abbiamo già prenotato il nostro hotel per il prossimo anno. Ma questa volta ci ricorderemo di mettere in valigia i nostri cessi lunghi e la miscela di cacao istantaneo Swiss Miss.

Articolo molto interessante
Liz Miles dice addio al popolare Hot Rodding - L'ultima parola

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP

Lascia un commento