Se gli esseri umani sono stati costruiti per resistere a un incidente d’auto, potrebbero avere questo aspetto

Video Player si sta caricando. Play Video Play Unmute Current Time 0:01 / Durata 3:32 Caricato : 0% 0:01 Tipo di Stream LIVE Seek to live, attualmente in riproduzione live LIVE Remaining Time – 3:31 Playback Rate
1x Capitoli

  • Capitoli

Descrizioni

  • descrizioni off , selected

Didascalie

  • impostazioni didascalie , apre la finestra di dialogo delle impostazioni delle didascalie
  • didascalie off , selezionato

Traccia audio
Picture-in-Picture a schermo intero

Questa è una finestra modale.

Inizio della finestra di dialogo. Escape annullerà e chiuderà la finestra.

TestoColoreBiancoBiancoNeroRossoVerdeBluGialloGialloMagentaCyan Trasparenza TrasparenzaOpaquaSemi-Transparente SfondoColoreBiancoNeroBiancoRossoVerdeBluGialloMagentaCyan TrasparenzaOpaquaSemi-TransparenteFinestraTrasparenteColoreBiancoNeroRossoRossoVerdeBluGialloGialloMagentaCyan TrasparenzaTrasparenteSemi-TransparentOpaque Font Size50%75%100%125%150%175%200%300%400%Text Edge StyleNoneRaisedDepressedUniformDropshadowFont FamilyProportional Sans-SerifMonospace Sans-SerifProportional SerifMonospace SerifCasualScriptSmall Caps Reset ripristinare tutte le impostazioni ai valori predefiniti Done Chiudere la finestra di dialogo modale

Fine della finestra di dialogo.

Pubblicità: 0:14

Se hai guidato o guidato regolarmente in auto, è probabile che tu abbia avuto qualche spazzola stretta con pericolo. Hai premuto i freni o hai sterzato appena in tempo, l’adrenalina ha inondato il tuo corpo e accelerato il tuo battito cardiaco come se ti passasse per la testa. Potresti anche essere stato coinvolto in un vero e proprio incidente.

Che si tratti di un piccolo tamponamento o di una collisione grave, gli incidenti d’auto non sono uno scherzo. Secondo la National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA), nel corso del 2014 ci sono stati 32.675 morti per incidenti solo negli Stati Uniti. Per fortuna, gli ingegneri automobilistici stanno lavorando 24 ore su 24 per creare nuovi veicoli sempre più sicuri. Gli ingegneri progettano, testano e riprogettano costantemente i veicoli per ottenere il miglior quadro dei pericoli coinvolti e salvare il maggior numero possibile di vite umane. (Nota a margine: abbiamo anche usato i cadaveri come manichini per i crash test.)

Articolo molto interessante
10 Auto nuove più calde per il 2013

Pubblicità

Eppure il fatto rimane: Non importa quanto le auto siano sicure ora o diventino in futuro, il corpo umano non è semplicemente in grado di resistere alle forze in gioco quando qualcosa va storto.

Ma se affrontassimo questo dilemma in un altro modo? E se, invece di far evolvere le auto per adattarle alle persone, facessimo evolvere le persone per adattarle alle auto? Cosa diventeremmo? Queste sono le domande che l’artista Patricia Piccinini ha posto quando si è unita al chirurgo traumatologo Christian Kenfield e all’esperto di collisioni David Logan. Le loro risposte sono risultate in una scultura – un essere umano adattato appositamente per sopravvivere agli incidenti automobilistici. Il suo nome? Graham.

Mentre Graham sembra imparentato con gli esseri umani, di sicuro si distinguerebbe tra la folla. Il suo cranio è molto più grande della media. Il suo cervello è uguale al nostro, ma racchiuso in un casco migliore. (È circondato da più fluido cerebrospinale, e il suo cranio ha, essenzialmente, zone di accartocciamento). Il suo viso è coperto di tessuto adiposo per proteggere il naso, i seni paranasali e le orecchie da volanti, cruscotti e vetri rotti.

Non ha nemmeno il collo. Al contrario, le sue costole arrivano fino al cranio, fornendo un supporto molto migliore per la testa. Quando seguiamo queste costole fino alla gabbia toracica, scopriamo che è piena di quelli che l’artista chiama “airbag organici”. Questi espellono un fluido al momento dell’impatto, fornendo una protezione molto maggiore rispetto alla nostra struttura muscoloscheletrica convenzionale. La pelle di Graham è anche più spessa e dura, per ridurre la probabilità di abrasioni.

Articolo molto interessante
Quanto durano i tiranti?

Se Graham incontra una situazione che va oltre la sua fisiologia avanzata, ha un asso in più nella manica: Un’articolazione in più su ogni piede gli permette di fare un salto a molla lontano dal pericolo.

Naturalmente, nonostante il livello di dettaglio fotorealistico, Graham non è un essere vivente. E non ci sono, a questo punto, piani per renderlo tale. Piccinini e il suo team intendono invece che Graham sia un punto di partenza per la conversazione. È uno strumento educativo, inteso a sottolineare l’importanza dei sistemi di sicurezza, e a ricordare a tutti noi quanto siamo realmente vulnerabili, un promemoria visivo di ciò che servirebbe agli esseri umani per resistere alla punizione di un incidente d’auto.

Guardate il video qui sopra per maggiori informazioni su – e un’occhiata più da vicino – Graham. Scambieresti il tuo aspetto attuale con questa assicurazione auto biologica altamente efficace?

Lascia un commento