Settembre 2011 Dietro la ruota Editoriale – No Kiddin’ Around …

Vedi tutti i 1 fotoswpengineWordsSep 1, 2011

Alla fine di ogni giornata, quando si tratta davvero di questo, mio figlio è tutto ciò che conta per me. Ma spesso, in questa professione, è difficile separare il lavoro dalla famiglia quando non sono fisicamente al lavoro – non ci sono 9-5 per i direttori di riviste, e i fine settimana sono solo il sesto e il settimo giorno della settimana, la maggior parte del tempo. Quindi, naturalmente, ho cercato di coinvolgere mio figlio in tutte le cose che faccio, senza esagerare.

Nel corso degli anni, l’interesse di mio figlio per tutto ciò che riguarda l’automobile è passato dall’intenso desiderio di andare a spettacoli e gare, all’ho-hum, piuttosto che ai videogiochi. Ma a prescindere da quale sia il suo livello di entusiasmo, cerco di non forzarlo a fare niente quando è più poco brillante che eccitato: voglio che i suoi interessi personali si sviluppino naturalmente, in modo che qualsiasi cosa gli piaccia, gli piaccia davvero e non perché lo voglio io. Non è sempre così facile, specialmente in momenti come quando i Winternationals o il L.A. Roadsters Show si avvicinano e lui non è così ansioso di taggare a lungo, che alla fine può dettare se andare o meno a tali eventi.

Ma proprio quando penso che sta per uscire da un periodo di crisi, dagli sport motoristici, ecc., fa qualcosa che mi stupisce totalmente e mi fa credere di avere ancora il sangue oleoso di suo padre che scorre nelle sue vene.

Articolo molto interessante
Commemorativa Linda Vaughn LV-1 Camaro al debutto al SEMA 2013

Ecco un buon esempio: Un giorno, dopo la scuola, stava scaricando il contenuto del suo zaino sul tavolo della sala da pranzo, come al solito, quando un piccolo pezzo di carta foderata ha attirato la mia attenzione. A matita aveva scritto: “Se mi candidassi alla presidenza, correrei a Moon Eyes”. Per il suo insegnante aveva sicuramente poco senso, ma per me significava tutto! Più recentemente, sua madre mi aveva mandato un sms che in pratica diceva: “Grazie, tuo figlio ora vuole diventare pilota di NASCAR, e fa sul serio! Anche in questo caso, forse sono stato l’unico ad essere orgoglioso di sentirlo, perché sono sicuro che sua madre preferirebbe che diventasse un musicista o un artista – cosa che va bene anche a me, purché uno dei due sia di ispirazione automobilistica!

In fondo alla mia mente, però, mi chiedo come sarà tra 10 anni quando sarà in età legale alla guida. Vedendo quanto le cose sono cambiate per me negli ultimi 10 anni, sono un po’ preoccupato che le sue opzioni, se dovesse ancora aspirare a costruire un hot rod, figuriamoci guidarne uno, siano così limitate che non è in grado di farlo. Sarebbe un peccato fargli prendere fuoco – anche se ha iniziato il suo progetto – solo per scoprire quando arriverà il momento in cui non potrà più guidare legalmente la sua hot rod sulle strade pubbliche perché non può essere immatricolata come veicolo operabile. Sì, questo è uno scenario estremo, ma non è così improbabile che non possa accadere. Ma sapete una cosa? Non lascerò che questo scoraggi le sue aspirazioni, sia che si tratti di diventare un hot roder come suo padre, il presidente, il prossimo Richard Petty, o anche un astronauta – ciò che conta di più è che segua i suoi sogni e diventi quello che vuole essere.

Articolo molto interessante
2012 Ford Boss 302 Mustang Test Drive a Laguna Seca

Per ora, continuerò ad approfittare di qualsiasi opportunità che lui voglia andare alle corse, a un salone dell’auto, o semplicemente dare una mano in garage e aiutarmi a lavorare su uno dei miei progetti. Indipendentemente da quello che ci riserva il futuro – quello che conta davvero è che possiamo goderci il più possibile il tempo insieme.

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:\www.hotrod.com\uploads\sites\2011\09\1109rc-01-z-september-2011-behind-the-wheel-editorial-.jpg

Lascia un commento