Sfide per l’industria dell’auto elettrica

If the Nissan LEAF, and other electric cars, are going to become mainstream, the industry will need to overcome more than a few challenges. Se la Nissan LEAF, e altre auto elettriche, stanno per diventare mainstream, l’industria dovrà superare più di qualche sfida. ©Getty Images

Questo post, parte di una serie che stiamo facendo girare tutto sulle auto elettriche, è stato scritto da Jamie Page Deaton di HowStuffWorks.com.

È difficile far decollare una nuova attività. È ancora più difficile quando si cerca di lanciare una nuova industria basata su un nuovo prodotto che potrebbe alterare i modi in cui milioni di persone si muovono. Basta chiedere a qualsiasi produttore di auto elettriche.

L’industria delle auto elettriche è pronta a lanciare una serie di nuovi prodotti nei prossimi due anni, dalle auto compatte, come la Mitsubishi i-MiEV, ai furgoni da lavoro, come la Ford Transit Connect Electric. Ma il successo delle auto elettriche è tutt’altro che assicurato. L’industria delle auto elettriche, come ogni nuova industria, sta affrontando una serie di sfide. Sfortunatamente, queste sfide sono ingarbugliate in una palla gigante – una palla che sarà difficile da dipanare.

La sfida principale sono i costi. La tecnologia delle batterie è costosa, e poiché le batterie delle auto elettriche devono essere in grado di contenere enormi quantità di carica per rendere le auto pratiche per la maggior parte dei conducenti, devono essere costruite utilizzando materiali costosi, la maggior parte dei quali sono difficili da procurare. Poiché le auto elettriche costano molto da costruire, costano anche di più di quelle a benzina che si possono acquistare. Questo rende i consumatori riluttanti ad adottarle. È un problema di galline ruspanti e uova biologiche. Le auto elettriche potrebbero essere meno costose se i produttori di auto elettriche potessero aumentare il volume di produzione e utilizzare le economie di scala. Ma, perché ciò accada, molti consumatori hanno bisogno di acquistare auto elettriche – cosa che probabilmente non accadrà senza che i prezzi scendano.

Articolo molto interessante
1948-1951 Willys Jeepster

Al di là dei costi, le case automobilistiche elettriche hanno molto da fare per convincere i consumatori. Non tutti si convincono dell’idea che le auto elettriche abbiano un senso per la loro vita. Questo a causa dell’ansia da autonomia. I produttori di auto elettriche stanno scoprendo che le persone sono preoccupate di quanto lontano possono viaggiare in auto elettriche prima che le loro batterie si esauriscano. In un’auto a benzina, a corto di benzina non è davvero un grosso problema; basta entrare in una stazione di servizio, fare il pieno e in circa cinque minuti si è di nuovo in viaggio. La ricarica e l’auto elettrica non è così semplice. La maggior parte delle auto elettriche di produzione che stanno per essere immesse sul mercato può percorrere solo circa 100 miglia (160,9 chilometri) con una sola carica. E, a meno che non si abbia accesso a una stazione di ricarica specializzata (che attualmente non è disponibile), ottenere una carica completa richiede circa otto ore. Mentre la maggior parte delle persone guida meno di 40 miglia (64,4 chilometri) al giorno e potrebbe facilmente ricaricare le proprie auto elettriche durante la notte, le auto elettriche non sono ancora utili per i viaggi su strada. E, diciamo che si guidano 80 miglia (128,7 chilometri) in un giorno, si torna a casa e si scopre che c’è un’emergenza inaspettata e si devono percorrere altre 30 miglia (48,3 chilometri)? I consumatori che pensano a situazioni del genere rappresentano un grosso ostacolo che le auto elettriche devono ancora superare.

Articolo molto interessante
1953-1954 Campione di Studebaker Regal Starlight/Starliner

Queste stazioni di ricarica sono un’altra sfida: possono alleviare una serie di preoccupazioni che i consumatori nutrono nei confronti delle auto elettriche. Le auto elettriche rappresentano un grande cambiamento per le infrastrutture del paese. Mentre alcune stazioni di ricarica sono in fase di prova (Best Buy ne sta provando alcune nei suoi negozi, in modo che i consumatori possano ricaricare mentre fanno acquisti), la maggior parte delle stazioni di ricarica deve ancora essere a casa, in un garage. Ciò significa che le persone che vivono in case condivise o usano il parcheggio in strada avranno probabilmente il tempo più difficile per ricaricare. Naturalmente, se le infrastrutture fossero migliorate e fossero disponibili più stazioni di ricarica, più persone acquisterebbero auto elettriche. Ma, naturalmente, le modifiche alle infrastrutture non saranno apportate fino a quando più persone non compreranno auto elettriche e le richiederanno. Vedete? È di nuovo la storia dell’uovo e della gallina.

Via: Detroit Free Press, Arizona Daily Star

Lascia un commento