Si possono usare pinze ad ago lunghe per rimuovere una candela?

Le pinze ad ago lunghe sono uno strumento vitale nel kit di utensili di un elettricista. Hanno un naso lungo e sottile, progettato per afferrare e tagliare i fili in spazi stretti e angusti che sono impossibili da raggiungere altrimenti. Le pinze ad ago sono realizzate in acciaio speciale forgiato per utensili, e hanno manici isolati rivestiti in plastica che forniscono una presa salda e protezione dalle scosse elettriche. Non solo gli elettricisti trovano che queste pinze siano uno strumento pratico; le pinze a becchi lunghi vengono utilizzate anche in progetti artigianali e gioielli.

Il cablaggio elettrico in scatole di interruttori o prese di solito non è accessibile con le dita o con attrezzi ingombranti. La sostituzione di una candela d’accensione rientra in quella categoria a punti stretti, e le pinze ad ago sono molto utili se si ha bisogno di fare proprio questo. Gli stivali delle candele di accensione sono spesso difficili da rimuovere; richiedono un movimento di torsione e trazione che non sempre è possibile fare con le dita, e a volte ci sono fili elettrici che si mettono in mezzo.

Pubblicità

Prima le cose importanti: Aspettate che il motore si raffreddi, e non cercate mai di aggiustare più di una candela alla volta. Se non si dispone di pinze per candele, è possibile utilizzare pinze ad ago per afferrare saldamente il bagagliaio della candela, girare con una presa salda per allentare e poi tirare per rilasciare. Potete usare le pinze ad ago in piccoli punti per raggiungere l’interno come un’estensione delle vostre dita, e potete usarle per estrarre delicatamente i fili della candela per controllarli. Alcuni fili all’interno del cappuccio sono tenuti da clip a molla, che pinze ad ago-naso può afferrare e spostare. La riparazione dei fili danneggiati delle candele di accensione è un lavoro complesso che richiede l’uso di pinze ad ago lunghe con una presa stretta e facile.

Articolo molto interessante
Motore Chevy 409-cid V-8

Lascia un commento