Storia di Hot Rods & Dogana

This hot rod, called the Elvis Car because it was The King's ride in the 1957 movie Loving You, started out as a Model A Ford. See more pictures of hot rods. Questa hot rod, chiamata Elvis Car perché era La corsa del re nel film del 1957 Loving You , ha iniziato come una Ford modello A. Vedi altre immagini di hot rod .

La linea temporale per le hot rod e le auto personalizzate inizia prima della seconda guerra mondiale. I teenager che desideravano armeggiare con le auto e andare veloce correvano con le Ford Model T a buon mercato sui laghi secchi della California meridionale e le corse su strada a Los Angeles anche negli anni Venti. I laghi secchi Harper, Muroc e El Mirage – tutti a circa 50 miglia a nord di Los Angeles – hanno visto corse dagli anni ’20 fino alla seconda guerra mondiale. Le corse a El Mirage continuano ancora oggi.

Galleria immagini Hot Rods

I drogati di velocità potrebbero saltare nelle loro Model Ts saltellanti e tritate ed essere in uno dei laghi asciutti in meno di tre ore. Oppure, se il bisogno era urgente, potevano trovare una strada secondaria deserta o un campo aperto. Ai laghi, le auto venivano cronometrate con cronometri a mano e inserite in una classe determinata dal tempo risultante.

La stragrande maggioranza delle auto in circolazione erano Ford Modello T a quattro cilindri o il loro successore, il quattro cilindri Modello A. Le auto erano economiche, abbondanti, leggere e facili da lavorare. Rispondevano a semplici “hop up”, come una maggiore compressione, l’accensione e la regolazione della fasatura, carburatori aggiuntivi, e macine a camme più radicali.

Articolo molto interessante
Ferrari F40 LM

L’esercitazione è stata abbastanza semplice: Comprare la roadster più bella che si poteva trovare (perché le roadster erano le più leggere); togliere tutto ciò che non era necessario per andare veloce, come i parafanghi, i fari, il cofano e la parte superiore; trovare alcuni pneumatici usati a buon mercato per sostituire quelli calvi o per montare sopra i pneumatici esistenti per un po’ di battistrada in più; e andare a correre.

Nella pagina successiva, per saperne di più sui primi speed shop!

Lascia un commento