Test di completamento del progetto Northeast Warrior Completion Track Testing – Un tempo di riflessione e di rinnovamento

La nostra dedizione e i nostri sacrifici dimostrano di non essere vani

Vedi tutte le 1 fotoGary TremperwriterMitch FrankphotographerBob FairweatherphotographerNov 1, 2000

Per chi prevede un’auto da corsa nel proprio futuro, è importante capire che la dedizione e il sacrificio fanno parte di una squadra di successo tanto quanto un buon programma di telai e motori. Noi usiamo il termine sacrificio nella sua forma più vera, da non confondere con la dedizione. Un equipaggio dedicato è un must per ogni team di successo, ma quando queste persone danno più di quanto ci si aspetta da una persona media, di solito comporta un grande sacrificio personale da parte loro. L’equipaggio del Northeast Warrior ha raggiunto un bivio nella sua avventura. La macchina è completa; siamo pronti ad accendere il motore per la prima volta e a prendere un po’ di tempo in pista prima dell’inizio della stagione. Ora che siamo arrivati a questo punto, è di vitale importanza capire come siamo arrivati qui.

Diverse notti a settimana trascorse a lavorare sull’auto negli ultimi mesi ci hanno regalato un’auto da corsa di prima classe, ma non senza un prezzo in termini umani. L’auto del Northeast Warrior ha virtualmente preso il controllo della K-Auto Tech in questo periodo. Keith Koppenal ha dedicato centinaia di ore al progetto che sarebbe stato speso per gestire la sua attività in circostanze normali. Brian e Jeff Baringer hanno dedicato altrettante ore che hanno avuto un impatto sulla loro vita personale e sul tempo che avrebbero potuto dedicare allo sviluppo della loro carriera individuale. Mitch Frank ha perso il conto dei chilometri percorsi percorrendo 65 miglia dal suo lavoro a New York City fino al negozio e poi a casa nel New Jersey durante la settimana. In qualche modo, ha anche trovato il tempo di coordinare questo progetto e di dormire abbastanza per funzionare ogni giorno.

Tutti coloro che sono coinvolti in questo progetto hanno le loro ragioni per farlo, ma possiamo tutti trovare un terreno comune nel fatto che abbiamo realizzato un prodotto di prima classe e che è giunto il momento di rifocalizzarsi sul futuro.

E’ ShowtimeE’ stata una tarda notte e una mattina molto presto, ma siamo arrivati al Middletown Motorsports show con un sacco di tempo per scaricare le auto e allestire la nostra area espositiva. Con lo show che va dal venerdì alla domenica, tutte le auto sono state portate nell’edificio il giovedì.

Per tre giorni, i membri del team del Guerriero del Nord-Est hanno fatto turni a rotazione per incontrare i partecipanti allo spettacolo e rispondere a tutte le loro domande sul progetto. Siamo stati estremamente soddisfatti dell’affluenza allo spettacolo e di quante persone sono passate per augurarci buona fortuna e per dirci che hanno seguito i nostri progressi nel Circle Track.

Sabato era il giorno del giudizio. La divisione Pro Stock era ben rappresentata con le migliori auto dei passati vincitori e dei nuovi concorrenti. Sapevamo che entrando avevamo poche possibilità di vincere il “Best of Division” perché la macchina non era completamente pronta per la gara. Il giudizio si basa su un rigoroso sistema di 100 punti con detrazioni per le infrazioni minori come lo sporco o le tacche nella vernice. Domenica pomeriggio sono stati annunciati i vincitori. Eravamo tutti entusiasti quando abbiamo saputo di aver vinto il secondo posto in una delle gare più vicine della divisione. Il trofeo che abbiamo ricevuto ora risiede alla K-Auto Tech come ricordo di tutto il duro lavoro che è andato in macchina.

Il break-InSeveral ore di rodaggio del motore sono state impiegate in tre giorni, ma è stato un gradito cambiamento di ritmo che ci ha permesso di rilassarci e di rilassarci per un po’. Il tempo di gioco doveva però finire, ed è tornato troppo presto al lavoro. Il nostro passo successivo è stato quello di rompere il nostro nuovo motore. Per questo atteso evento, il nostro costruttore di motori, Jeff Saaf, è venuto in officina e ci ha accompagnato nella sua procedura.

Il primo passo è stato quello di assicurarsi che il motore fosse innescato, permettendo all’olio di circolare in tutta la zona prima di sparare per la prima volta. Per fare questo, si può acquistare un primer, oppure si può togliere l’ingranaggio da un vecchio distributore e saldare un dado sulla parte superiore. Abbiamo usato quest’ultima procedura.

Articolo molto interessante
Il Tour Aeromobile su strada di AMSOIL/Street Rodder - Parte 3

Ecco come si fa: Inserire il distributore in posizione e, con un driver di alimentazione e una presa di corrente, ruotare il motore. Due giri dovrebbero bastare per completare il lavoro. Una volta terminato l’adescamento del motore, rimuovere il coperchio della valvola del cilindro n. 1 e ruotare il motore. Quando la valvola di scarico n. 1 inizia ad aprirsi, invertire la rotazione della manovella su TDC. Rimuovere il vecchio distributore e installare quello nuovo sull’allineamento del rotore n. 1 e del coperchio. A questo punto dovrebbe uscire olio dai bilancieri, quindi reinstallare il coperchio della valvola e prepararsi ad accenderlo.

Un motorino d’avviamento e un interruttore d’accensione separati funzionano bene in questo caso, consentendo di azionare il motore fino a quando la pressione dell’olio non si alza prima di colpire l’interruttore d’accensione per accenderlo. Questa procedura è un po’ più semplice per i cuscinetti dell’asta. Versate il gas nel tubo di sfiato del carburatore e pompatelo, quindi riempite la coppa con il gas. Utilizzando benzina normale pompa qui sarà utile perché si accende più rapidamente di carburante da corsa quando è freddo. Questo è di particolare importanza con un motore nuovo, perché si vuole evitare il più possibile l’avviamento a gomito.

Accendere il motore e lasciarlo girare a 2.500 giri al minuto per circa 20 minuti, permettendo alla camma e ai sollevatori di irrompere correttamente. Dopo 20 minuti, spegnere il motore e rimuovere il filtro dell’olio. Tagliare l’estremità inferiore del filtro e rimuovere la cartuccia dall’interno. Esaminare attentamente la cartuccia del filtro tagliandola a pezzi e cercando particelle metalliche. Se trovate delle particelle che sono di bronzo o di ottone in apparenza, strappare il vostro motore verso il basso – avete un problema serio da qualche parte. Alcune piccole particelle d’argento possono essere residui della costruzione del motore.

Installare un nuovo filtro e accendere il motore – lasciarlo in funzione per altri 20 minuti. “Qualsiasi problema importante si svilupperà entro i primi cinque minuti”, dice Jeff di un nuovo motore. Al termine del secondo periodo di rodaggio, controllare di nuovo il filtro per determinare se il problema dei detriti è migliorato o peggiorato.

Quando si è accertato che il motore è in buona forma, rimuovere i coperchi delle valvole, controllare la regolazione delle valvole e fare un buon controllo visivo.

Nel caso ve lo stiate chiedendo, il motore ha un suono fantastico! Jeff era contento dell’irruzione, che ha fatto sorridere tutti. Siamo particolarmente colpiti da quanto sia stretto il motore. Con i 2.500 giri al minuto, abbiamo lasciato l’acceleratore, e in un batter d’occhio era al minimo.

Configurazione del telaio Abbiamo finalmente avuto la possibilità di utilizzare il set di bilance digitali che abbiamo ricevuto dalla Longacre Racing Products quando abbiamo messo a terra l’auto. Dobbiamo mantenere un peso minimo di 3.050 libbre con il pilota ma senza carburante. Con Mitch in macchina con l’abbigliamento da pilota, casco incluso, eravamo entro i limiti di peso. Keith è scomparso nei recessi bui del negozio ed è riapparso con il suo libricino nero degli allestimenti del telaio. Mitch è stato riportato in macchina con l’ordine di stare completamente fermo e di non respirare a meno che non gli sia stato dato il permesso (Mitch non deve trattenere il respiro mentre è seduto in macchina durante l’assetto del telaio, gli impedisce solo di chiedere “Come ti sembra?” ogni 10 secondi mentre Keith calcola le percentuali di peso trasversale).

Con la polvere soffiata dal libro di Keith, l’altezza della corsa è stata impostata su ogni angolo. Poi sono stati controllati i pesi delle curve e le percentuali di peso a sinistra/destra e anteriore/posteriore. Con queste informazioni, Keith può determinare se avremo una macchina sciolta o stretta in pista. La nostra preferenza iniziale è quella di tenerla leggermente stretta, mentre Mitch si fa un’idea della potenza aggiunta e della risposta dell’acceleratore della vettura attraverso le curve di Orange County. Con i bulloni a strappo in tutte e quattro le curve, potremo mettere a punto la vettura una volta in pista. Il fattore critico per il nostro successo è stato l’impostazione di ruote, campanature e punte sulla vettura. Per ottenere le impostazioni desiderate, abbiamo chiesto l’aiuto di Harry Behrents e Bill Floyd del Behrents Speed Center. A tal fine, la BSC ha sviluppato una serie di strumenti facili da usare e generalmente poco costosi. Essendo uno degli sponsor di questo progetto, Harry e Bill sono arrivati rapidamente in officina e ci hanno mostrato come funzionano questi strumenti. Saranno una parte essenziale del nostro processo di allestimento per tutta la stagione.

Articolo molto interessante
Costruita su misura 1956 Oldsmobile Super 88 - La nuova Oldsmobile

Test DayAvremmo aspettato con ansia la nostra prima sessione di test per molti motivi. Il primo e più importante motivo era la composizione del nostro nuovo telaio. In secondo luogo, non vedevamo l’ora di vedere se il nostro motore spegneva tutta la potenza che speravamo, e per Keith, Brian e Jeff, vedere il frutto del loro lavoro in pista per la prima volta doveva essere molto gratificante. (Volevamo anche vedere quanti giri ci sarebbero voluti prima che Mitch facesse il giro.)

In una puntata precedente avevamo detto che la nostra prima sessione in pista sarebbe stata amemorabile. Per tutti i motivi sopra citati lo è stata, ma si è svolto un evento aggiuntivo che l’ha resa un momento da ricordare.

Poche settimane prima della sessione, abbiamo partecipato al banchetto annuale delle speedway awards per il 1999. Durante la serata, si è sviluppata una conversazione con il pilota modificato Brett Hearn riguardo al progetto Northeast Warrior. Brett, uno dei migliori corridori del circuito DIRT, ha al suo attivo più di 525 vittorie in carriera ed è l’indiscusso protagonista Modified alla Orange County Fair Speedway con 14 titoli Modified registrati dal 1979. Ha anche corso alcune gare di Busch negli anni ’80 e questa stagione è prevista una Silver Bullet USAC per Gary Stanton. I suoi crediti rimanenti riempirebbero i volumi. Quindi, immaginate la nostra reazione quando Brett ha accettato di portare “The Warrior” fuori per una corsa di shakedown alla sua scuola di guida annuale presso la speedway, una settimana prima dell’apertura della stagione. Dopo aver ammesso di sapere poco o niente di Street/Pro Stocks, e di non averne mai guidato uno, Keith gli assicurò che ne sarebbe rimasto piacevolmente sorpreso.

Quando è arrivato il grande giorno, ci siamo recati sulla pista all’ora richiesta per attendere la corsa. Ci hanno assicurato che Brett avrebbe portato fuori la macchina, e siamo stati messi nella sua lista delle cose da fare perché era molto impegnato con la scuola. Prima di caricare la macchina per la pista quel giorno, Keith ha dato alla macchina la sua corsa di ricognizione, una tradizione della K-Auto Tech, ci è stato detto. Keith si offrì volontario per portare l’auto fuori dal garage per la prima volta e nel parcheggio prima di caricarla. Tuttavia, non appena ha liberato la porta della baia, ha inchiodato l’acceleratore, ha preso l’angolo del parcheggio con una derapata a quattro ruote, ha eseguito una bella ciambella nel parcheggio e ha proseguito verso la strada a tutta velocità. Nel giro di pochi secondi, aveva scalato la collina e attraversato il ponte che attraversava la Statale 17. Eravamo tutti in soggezione, mentre in lontananza si sentiva chiaramente il suono del nostro nuovissimo Pro Stock. Pochi secondi dopo, Keith tornò dal suo viaggio con uno di quei sorrisi sul viso dichiarando di essere pronto a partire.

Dopo aver scaricato in pista, Mitch ha portato la macchina fuori per alcuni giri facili per farla riscaldare ed è rientrato con un ampio sorriso sul volto. Poco prima che Brett salisse in macchina, l’intero equipaggio della Budweiser è venuto per una rapida ispezione. Per noi andava bene, perché abbiamo avuto l’approvazione dei migliori del settore!

In qualche modo Brett è riuscito a infilarsi nello stretto sedile di Mitch (con nostro grande sollievo) e ha ricevuto un rapido riassunto dello schema dei turni e della disposizione generale dell’abitacolo del conducente. Brett ha fatto il giro due volte con relativa facilità per avere la sensazione della macchina corposa prima di dare un colpo di acceleratore. L’ha inchiodata due volte uscendo dalle curve, ma entrambe le volte ha fatto retromarcia quando è sceso dal paracadute. Dopo che si è fermato ai box, l’odore rivelatore ci ha detto il perché. Brett ha riferito che ogni volta che ha inchiodato l’acceleratore, ha sentito la frizione che scivolava, e poi ha sentito l’odore, così è entrato – non voleva rovinare una nuova auto da corsa. Dopo essere salito dal sedile, ci ha consigliato che abbiamo “una bella macchina da corsa” e ha ammesso che era molto più di quanto si aspettasse. Apprezziamo il tempo che Brett ha sottratto al suo frenetico programma per noi e onoreremo volentieri la sua richiesta di “riprovarci qualche volta” quando sarà pronto.

Articolo molto interessante
1966 Meeting di marzo: la migliore gara di carburante di sempre?

Con l’auto in officina, abbiamo fatto un controllo dall’alto verso il basso e abbiamo scoperto che la frizione scivolava. Keith si è occupato rapidamente del problema.

Durante l’ultima settimana prima dell’inizio della stagione agonistica a Orange County Fair Speedway, si tengono diverse sessioni giornaliere per dare a piloti ed equipaggi il tempo di provare e mettersi a proprio agio per la nuova stagione.

Il fotografo di pista Bob Fairweather aveva organizzato una sessione di prove a cui avevamo programmato di partecipare, e avevamo due giorni di tempo per prepararci. La pista aveva le prove ufficiali di precampionato programmate per sabato, solo cinque giorni prima dell’apertura. La prossima uscita avrebbe dato a Mitch la prima opportunità di provare adeguatamente la nuova vettura. Volevamo che avesse il maggior numero possibile di posti a sedere prima dell’apertura della stagione. Keith aveva cercato di fargli capire per diverse settimane che non si trattava di una Pure Stock, e che avrebbe avuto bisogno di tempo per adattarsi all’aumento di potenza e alla risposta dell’acceleratore. (Vogliamo ancora sapere quanti giri ci vorranno per Mitch per fare il giro.)

PraticaQuando è arrivato il giorno delle prove, eravamo tutti pompati perché sarebbe stata la nostra prima occasione per mettere alla prova la vettura e iniziare a modificare l’assetto del telaio. L’assetto della vettura era quello che Keith pensava avrebbe portato la vettura in pista in buona forma, ma con un nuovo design del telaio, non sapevamo davvero come avrebbe reagito la vettura. Un’altra variabile era il fatto che Mitch non sapeva cosa aspettarsi nella sua prima uscita in un Pro Stock, così è stato sottoposto a un lungo debriefing dopo ogni corsa. Ogni volta che la macchina tornava in pista, era più veloce e sembrava gestire meglio la situazione. Ma non sapevamo se erano i cambiamenti che avevamo fatto o se Mitch si stava mettendo più a suo agio e stava prendendo il ritmo da solo.

In qualsiasi equazione ci sono sempre fattori noti e sconosciuti. Per risolvere il nostro dilemma, abbiamo usato l’unica costante che avevamo a disposizione. Keith, essendo il pilota più esperto, sapeva come doveva sentirsi la macchina, così si è vestito e l’ha portata a fare una corsa. Abbiamo scoperto che Mitch era abbastanza vicino nella sua valutazione delle prestazioni della vettura.

La nostra ultima sessione prima della serata di apertura è stata un allenamento aperto tre giorni dopo. Abbiamo provato diverse varianti di pneumatici e combinazioni di shock con risultati positivi. Questa è stata la nostra prima opportunità di correre contro molte delle vetture che gareggeranno nella nostra divisione, e il tempo di seduta aggiuntivo è stato un vantaggio per Mitch.

Con l’allenamento alle spalle, ora dobbiamo concentrarci sull’apertura della stagione. Finora non potremmo essere più soddisfatti delle prestazioni della vettura. Un tubo del servosterzo bruciato, una piccola perdita d’acqua e una frizione che scivola ci hanno dato un po’ di dolore, ma nel complesso siamo estasiati.

Le lunghe ore, il sacrificio e la dedizione hanno pagato i dividendi quando Keith ha detto: “Questa è l’auto più fantastica che abbia mai guidato”.

ProduttoriBehrent’s Speed CenterDept. CT11 38 Meadow Rd.Florida, NY 10921914/651-7389 www.behrents.com

Brett Hearn Driving School Dept. CT11 P.O. Box 1175 Vernon, NJ 07462 973/702-0811 www.bretthearn.com Longacre Racing Products Dept. CT11 14269 NE 200th St. Woodinville, WA 98072 425/485-0620 www.longacreracing.com

Performance Distributors Dept. CT11 2699 Barris Dr. Memphis, TN 38132 901/396-5782 www.performancedistributors.com

Saaf Engines Dept. CT11 Box 136 Rowland, PA 18457 570/685-2320

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:\www.hotrod.com\uploads\sites\2000\11\ctrp-0011-01ps-project-northeast-warrior-completed.jpg

Lascia un commento