Top 5 delle ultime 5 tendenze della produzione automobilistica

START COUNTDOWN NEXT Avviare il conto alla rovescia Being from Boeing hasn't held back Mulally. He's been plowing ahead full-steam at Ford. See more exotic car pictures. Essere di Boeing non ha frenato Mulally. Alla Ford ha continuato ad arare a tutto vapore. Vedi altre immagini di auto esotiche . Foto AP /Susan Walsh

L’entrata per la prima volta nella catena di montaggio mobile della fabbrica Model T di Henry Ford probabilmente non ha dato ai lavoratori della fabbrica brividi di stupore nel 1913. Probabilmente era solo l’impressione di entrare al lavoro. Ma lo stupore non sarebbe stato sbagliato; dopo tutto, il processo di Ford ha rivoluzionato la produzione in quasi tutti i settori industriali, e le case automobilistiche in particolare non si sono mai guardate indietro.

La catena di montaggio richiedeva lavoratori meno qualificati, ma li rendeva anche molto più produttivi. Le auto erano più economiche e più veloci da produrre, spingendo i loro prezzi verso il basso in una fascia più ampia di consumatori. La produzione uniforme era un’altra grande parte del nuovo processo. In precedenza, la fabbrica Ford aveva offerto automobili personalizzate in base ai desideri dei singoli consumatori – ora non più. La standardizzazione significava una maggiore efficienza e più tempo risparmiato. Tutto sommato, l’innovativo rinnovamento di Ford ha ridotto il tempo di produzione a soli 93 minuti per auto [fonte: Haven ]. Le auto uscivano dagli showroom a un ritmo sorprendente e l’azienda sembrava inarrestabile.

Pubblicità

In avanti veloce verso il 2009, e nel complesso la situazione sembra ancora tollerabile per la Ford Motor Company . Certo, negli ultimi anni l’economia ha battuto senza pietà i Tre Grandi senza pietà, ma Ford sta superando la tempesta con maggior successo. A differenza dei suoi omologhi della Chrysler e della General Motors, il presidente e amministratore delegato della Ford Alan Mulally (che ha preso il timone nel 2006) ha rifiutato gli aiuti federali. Ora sta lavorando diligentemente per stabilizzare l’azienda e prevede un ritorno alla redditività entro il 2011 [fonte: Taylor ]

Mulally ha anche spinto per cercare di razionalizzare la produzione e riportare l’azienda ai suoi prodotti principali, premendo al tempo stesso per automobili più piccole e più efficienti dal punto di vista energetico. Ricordando la spinta alla perfezione di Henry Ford, Mulally ha fatto sì che la Ford Motor Company indicasse la strada della ripresa. In questo articolo analizzeremo più da vicino come le aziende automobilistiche di tutto il mondo cercano di produrre automobili nel modo più economico ed efficiente possibile, dalla prototipazione fino alla fine della linea di produzione.

Lascia un commento