Un onore inaspettato

Vedi tutte e 2 le fotoDavid FreiburgerwriterJun 1, 2015

Nell’aprile del 2015 ho ricevuto un riconoscimento che è la cosa più importante per me in tutti i miei anni alla HOT ROD: sono stato inserito nella Dry Lakes Racing Hall of Fame. Le gare di velocità su terra e la storia del rodding sono gli interessi che ho tenuto più vicini per più di 20 anni, il che rende insondabile l’aggiunta a una lista che include Alex Xydias, Mickey Thompson, Craig Breedlove, Al Teague e altre decine di altri. Sono altrettanto onorato di unirmi allo staff di HOT ROD nella Hall of Fame, tra cui Wally Parks, Eric Rickman, Tom Medley, Ray Brock, Tex Smith, Don Francisco, Louise Ann Noeth e Gray Baskerville.

Le mie prime impressioni sulle gare di dry-lakes sono state formate da Gray, e ho partecipato alla mia prima Speed Week con lui nel 1992. Quella settimana di pioggia mi ha affascinato imparare le corde al fianco di Ol’ Dad, appeso con Al Teague dopo una corsa a 407,710 miglia all’ora, e seduto silenziosamente stordito a cena con Wally Parks. Da quel momento, raramente sono stato senza un regolamento SCTA a portata di mano.

In questi giorni stiamo riportando la Camaro con la potenza di Lingenfelter, e io sto costruendo una Ford Vintage del 1932, poiché ritengo che sia un obbligo della HOT ROD stabilire un record di flathead-Ford sul talco SoCal. Le mie storie e i miei sogni sulle corse dei dry-lakes sono lo stesso tipo di HOT ROD di cui ho parlato dal 1948 e continueranno ad esserlo finché potrò influenzarlo. I record vanno e vengono, ma le pagine vivono per sempre. Anche se il mio nome scomparirà dal libro dei record alla fine, avrò sempre a cuore la generosità dei miei colleghi di corsa nel rendermi onore con la Dry Lakes Racing Hall of Fame.

Articolo molto interessante
1972 Plymouth Duster alla SEMA 2013

Miglior Instagram Pic di questo mese

Vedi tutte e 2 le foto

Collegati con noi: hotrod@hotrod.com

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP

Lascia un commento