Un’auto può davvero essere a prova di morte?

Galleria immagini: Concept Cars Il regista di “Death Proof” Quentin Tarantino e la star Zoe Bell si trovano accanto alla Chevy Nova del 1970 di Stuntman Mike alla prima berlinese del film nel 2007. Vedi altre immagini di concept car.Sean Gallup/Getty Images

Nel film di Quentin Tarantino del 2007 “Death Proof”, un pilota maniacale di nome Stuntman Mike si vanta che la sua Chevrolet Nova del 1970 è esattamente ciò che il titolo del film suggerisce: È a prova di morte. Nelle mani di un autista attento alla sicurezza, sarebbe una buona cosa. Ma Stuntman Mike non è tutto ciò che si preoccupa della sicurezza – non quella dei suoi passeggeri o di qualsiasi persona sfortunata che incroci il suo cammino.

Mike ha dotato il lato guida della sua auto di una gabbia e di una cintura di sicurezza a cinque punti per garantire la propria sopravvivenza quando si scontra con altre auto ad alta velocità. Questa è una buona precauzione da parte dello Stuntman Mike perché gli piace fare proprio questo – con risultati cruenti.

Pubblicità

Anche se il film è fittizio, solleva la questione: Un’auto può davvero essere a prova di morte? Sarebbe come la Nova di Stuntman Mike, rinforzata con travi d’acciaio e vetri antisfondamento? Probabilmente non sarebbe il caso. Invece, ciò che ci attende nel futuro della sicurezza delle auto – compreso ciò che potrebbe emergere come auto a prova di morte – è più in linea con l’ingegnosità tecnologica che con la vecchia forza bruta.

Articolo molto interessante
Come funziona una pistola laser per misurare la velocità di un'auto?

Il modo migliore per sopravvivere a un incidente d’auto è quello di evitarlo. Quindi gli ingegneri automobilistici sono al lavoro per trovare auto che proteggano i passeggeri non tanto con gabbie d’acciaio rinforzate (anche se la maggior parte dei veicoli ha anche quelle), quanto piuttosto con una tecnologia che aiuta gli automobilisti ad evitare del tutto le collisioni.

La Chevy Nova dello stuntman Mike è piuttosto bella. Ma le auto a prova di morte del futuro assomiglieranno probabilmente molto di più a Volvo, BMW e Lexus di fascia alta che a una classica muscle car di Detroit. E la Volvo potrebbe essere la prima. Come membro del gruppo di ricerca sulla sicurezza PReVENT , la casa automobilistica ha promesso un’auto a prova di incidente entro il 2020 [fonte: Reuters]. Chi può permettersi le auto di lusso ne beneficerà per primo; ci vorrà un po’ di tempo prima che queste caratteristiche di sicurezza all’avanguardia si facciano strada nelle auto economiche.

Molte delle caratteristiche che in futuro comprenderanno i sistemi di prevenzione degli incidenti esistono già. La sfida sarà quella di legare insieme questi componenti.

Perché questi sistemi saranno in grado di gestire gli incidenti meglio del conducente di un’auto? Scopritelo alla pagina successiva.

Lascia un commento