Una celebrazione del 50° anniversario della Porsche Speedster

Vedi tutti i 13 fotoswpengineWordsOct 4, 2004

Immaginate la strada del prefetto. Non quella che si porta al lavoro ogni mattina, dove tutti i semafori sono verdi, ma piuttosto un nastro d’asfalto tortuoso e sinuoso che si snoda per chilometri attraverso una valle alberata. Questa stessa strada avrebbe numerosi tornanti, tornanti, curve a sinistra, curve a gomito, diritti di spazzata, e occasionalmente scende in una corsia sia per chi arriva che per chi prosegue. Pericoloso? Ci puoi scommettere, soprattutto a una velocità in cui le gomme si sgonfiano allentando le ruote quando si arriva alla curva un po’ calda. Sarebbe stata una strada che James Dean avrebbe adorato per mettere alla prova la sua Porsche.

La Monterey County Road 16, nota anche come East Carmel Valley Road, è quel tipo di strada, ed era giusto che questo percorso meno trafficato verso sud portasse al Quail Lodge nella Carmel Valley (vicino a Monterey, CA) per una celebrazione unica del 50° anniversario della Porsche Speedster, un’auto che ha dato prova di sé cinque decenni fa su strade come la G16.

Organizzato da alcune Porschefiles, l’evento è stato aperto solo agli Speedster – anche i loro 356 coupé sono stati regolati per i posti dall’altra parte della recinzione. Elitista? Con la tassa per attraversare il cancello fissata a 140 dollari a persona, si potrebbe dire così, ma il prezzo sarebbe stato lo stesso se aveste guidato anche il vostro Speedster d’epoca.

Articolo molto interessante
Il PPG porta il Martedì Grasso al SEMA 2015

Ma la vera festa è cominciata il giorno prima nell’albergo ospitante, dove nel pomeriggio si è tenuto uno spettacolo di letteratura e di parti. Se cercavate i poster delle Porsche da corsa degli anni ’50, erano lì, insieme alle foto autografate, ai produttori di valigie, ai fabbricanti di sedili per speedster in alluminio e persino a un’azienda che realizza top di riproduzione per lo speedster in alluminio.

La storia era in vendita, e un’affollata sala banchetti dell’hotel ha dimostrato che c’erano molti acquirenti dei primi armamentari Porsche. La Porsche iniziò la produzione di automobili nel 1948 con una coupé (in realtà, quell’anno furono prodotte solo quattro vetture), ma era il 1951 prima che venisse costruita la prima cabriolet. Le corse su strada in America andavano a gonfie vele e un concorrente, Johnny Von Neumann, tagliò il tetto della sua coupé per alleggerire l’auto da corsa. Nel 1954 debuttò il primo Speedster, il cui progetto si basava su quanto necessario in pista. Senza finestrini avvolgibili o cruscotto imbottito, l’auto sarebbe stata un’auto difficile da vendere nel mercato odierno. Ma equipaggiata con il motore 1500S “Super”, poteva raggiungere le 120 miglia orarie e arrivare a 60 miglia orarie in circa 10 secondi – non male per gli standard del 1954.

Durante la vendita di letteratura, l’entusiasmo ha preso slancio quando una manciata di roadster Porsche America si è insediata vicino all’ingresso della fontana dell’hotel. Solo circa 16 di queste roadster interamente in alluminio sono state prodotte (da Glaser per Porsche) prima del debutto della Speedster. E anche se non si trattava certo di una Speedster, era l’antesignana della marca, e quindi godeva dello status di celebrità a questo evento.

Articolo molto interessante
1967 Shelby GT 500 e 1968 AMC AMX - Roy's Toy's Toy del 1968

Sabato mattina, Porsche di tutte le marche sono state invitate al locale percorso stradale di Laguna Seca per fare alcuni giri caldi in pista. In seguito, molti hanno limato lungo le strade del canyon fino al Quail Lodge per un pomeriggio dedicato proprio allo Speedster. E, essendo un evento solo per Speedster, anche le coupé e le cabriolet 356 di ultimo modello sono state inviate dall’altra parte della strada in un’area di parcheggio speciale dove potevano essere viste in massa.

All’interno dell’evento, quasi 300 Speedster erano allineati in base al numero di telaio (i tedeschi sarebbero stati così orgogliosi!), quindi c’erano buone probabilità che la macchina che stavi guardando potesse essere parcheggiata accanto ad un’altra che era solo a tre auto in linea di montaggio nella produzione di quel giorno nel 1956! Acri di prato appena falciato furono riempiti con ogni possibile versione dello Speedster, molte delle quali dotate del tettuccio in alluminio opzionale. Un gruppo jazz dal vivo suonava (per coincidenza il Monterey Jazz Festival si svolgeva nelle vicinanze nello stesso fine settimana) e i pranzi gourmet venivano serviti gratuitamente a chi aveva un’auto in esposizione.

In termini di rarità, oltre ad avere il primo Speedster mai realizzato (#356-001) in esposizione e in prestito da Porsche in Germania, sei delle roadster americane hanno partecipato, così come sei dei primi 10 Speedster realizzati! Erano presenti anche 40 delle vetture Convertible D (che hanno sostituito lo Speedster nel 1958). Per ogni fanatico di Porsche, questo luogo era sacro per almeno un pomeriggio, poiché sarebbe stato improbabile che questa collezione di veicoli ultra-raro potesse mai più essere convocata. E per quei sognatori che desideravano solo di poter possedere una di queste bellezze, stare in mezzo a tante di loro era come il paradiso in terra, anche se solo per poche ore.

Articolo molto interessante
1974 Dodge Charger Edizione Speciale - Marchiato Proprietà

Vedi tutte le 13 foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:\www.hotrod.com\uploads\sites\2004\10\142-0411-50th356-p.jpg

Lascia un commento