Viaggiare in autobus in Francia: tracciare l’esagono francese con il Tour de France

Il tanto atteso Tour de France è iniziato pochi giorni fa, e siccome amiamo questo paese, abbiamo deciso di creare una guida imperdibile per farvi conoscere meglio queste meravigliose città francesi durante le diverse tappe di questa competizione famosa in tutto il mondo.

Dalle coste nord-occidentali al confine con la Manica, alle regioni montuose dell’Est, o alla Città della Luce, prendere l’autobus in Francia è sicuro di far conoscere ai viaggiatori i panorami spettacolari grazie alla diversità dei suoi territori. Giusto in tempo per il Tour de France, perché non partecipare a questa celebrazione seguendo gli eventi e visitando l’esagono delle migliori destinazioni in Francia? Come la gara, il nostro tour parte dal nord, costeggia le coste della Normandia e della Bretagna francese, si snoda lungo le coste della Normandia e della Bretagna francese, si snoda fino ai Pirenei centrali e alle Alpi, per finire nella capitale degli affascinanti Champs-Elysées.

Pas de Calais settentrionale e Piccardia

Dopo un breve tour in Olanda e Belgio, la parte francese del Tour inizia il suo viaggio nel Passaggio settentrionale di Calais e attraversa 4 città: Cambrai, Arras, Amiens e Abbeville. Entrambe le regioni sono sicure di impressionare i visitatori con la loro ricca storia e cultura.

Da visitare: Amiens è nota per le sue cattedrali gotiche, mentre ad Arras gli appassionati di architettura non possono mancare le strutture in stile barocco-fiammingo
Suggerimento: Lo sapevate che la cattedrale di Amiens è la più alta completata di tutta la Francia?
Interessante escursione di un giorno: Situata vicino al Belgio, Lille vanta una lodevole architettura fiamminga che non troverete nella maggior parte delle città francesi;
Consiglio per chi viaggia in autobus: Il viaggio dal nord del paese è pieno di campi infiniti di fiori gialli. Avrete la possibilità di scattare alcune foto e di caricarle su Instagram se il vostro autobus si ferma in un’area di sosta.

Alta e Bassa Normandia

Articolo molto interessante
Le linee di autobus interconnesse sono ora disponibili da Sapsbus

In direzione ovest, il Tour de France prosegue attraverso l’Alta e la Bassa Normandia, da Le Havre a Livarot. Nidificata tra Londra e Parigi, la regione è una delizia per gli occhi con le sue spiagge sabbiose e le impressionanti scogliere bianche.

Da visitare: Le havre ha molti musei, insieme al centro della città, che è stato nominato patrimonio dell’umanità. Gli appassionati di storia troveranno interessanti il cimitero normanno il cimitero normanno-americano e il Memoriale;
Suggerimento: Non dimenticate di provare il formaggio Livarot a Livarot!
Escursione interessante: Il famoso Mont Saint-Michel è un must per chi mette piede in Normandia;
Suggerimento per chi viaggia in autobus: Su un tratto del percorso dalla Normandia alla Bretagna si possono vedere i mulini a vento, che vi faranno sentire come se steste viaggiando attraverso un paesaggio olandese.

Bretagna

Conosciuta come Piccola Bretagna o Bretagna francese per la sua influenza celtica, questa regione confina con la Manica e il Mar Celtico.

Da visitare: La cucina della zona attirerà sicuramente l’attenzione degli amanti della cucina. Assaggiate la vostra crepe o il vostro “biscotto” bretone con il sidro, la specialità della regione. Anche qui i frutti di mare sono una prelibatezza, con ostriche fresche e cozze pescate direttamente dall’Atlantico. Un’altra alternativa è rappresentata da uno dei più imponenti castelli francesi, il Château de Fougères, in attesa dei visitatori, mentre il Museo delle Belle Arti di Rennes possiede una vasta collezione di arte egizia, greca e romana.
Suggerimento: La Bretagna è ben preparata ad accogliere il ciclista, con molte strade e percorsi per accogliere questo trasporto.
Consiglio per chi viaggia in autobus: Il viaggio dalla Bretagna alla metà dei Pirenei è lungo, non dimenticate di portare con voi molti snack e un buon libro.

Pirenei medi

La prossima sezione del Tour de France copre la più grande regione del paese, con partenza da Tarbes. Con il suo sfondo montuoso (leggi: piste ciclabili ripide), i Pirenei sono la meta perfetta per gli amanti dell’avventura.

Articolo molto interessante
Progetto Omnibus: Risultati del primo trimestre 2018

Da visitare: Plateau de Beille, Cauterets, e la novità del Tour, Le Pierre Saint Martin, sono stazioni turistiche molto popolari in inverno per la stagione sciistica e in estate offrono attività come il rafting sul fiume, canoa, parapendio e paintball.

Suggerimento: Cauterets è anche una città famosa per le sue terme. Riposatevi meritatissimo nelle sue sorgenti termali circondate da una splendida vista sui Pirenei.
Interessante escursione di un giorno: Visitate la capitale di questa regione montuosa, Tolosa. Soprannominata la Villa Rosa, questa città è famosa per la sua architettura composta principalmente da mattoni di questo colore.
Consiglio per chi viaggia in autobus: La stazione degli autobus di Tolosa ha partenze per le principali città come Parigi, Barcellona o Milano. Alcuni viaggi possono essere fatti durante la notte e vi sveglierete in una nuova città come se aveste appena chiuso gli occhi!

Rodano-Alpi

La gara prosegue nel quartiere sud-est della Francia, appena a nord della Costa Azzurra, dove regnano paesaggi idilliaci e paesaggi meravigliosi. Partendo da Valence, i corridori attraverseranno 10 città prima di partire per l’Ile-de-France.

Da visitare: Le Alpi e le sue numerose stazioni sciistiche a Pra Loup, La Toussuire, Modane e Alpe d’Huez. Non dimenticate di assaggiare un’autentica fonduta e una deliziosa raclette.

Suggerimento: In estate, queste città sciistiche diventano una terra di campeggiatori e scalatori. Molti hanno anche piste ciclabili (alcune delle quali sono abbastanza montuose e non destinate ai deboli di cuore).

Piste ciclabili, alcune delle quali sono abbastanza montuose e non destinate ai deboli di cuore.

Piste ciclabili, alcune delle quali sono abbastanza montuose e non destinate ai deboli di cuore.

Piste ciclabili, alcune delle quali non destinate ai deboli di cuore.

Piste ciclabili, alcune delle quali sono abbastanza montuose e non destinate ai deboli di cuore.

Piste ciclabili, le piste ciclabili, le piste ciclabili, le piste ciclabili, le piste ciclabili, le piste ciclabili, le piste ciclabili, le piste ciclabili, le piste ciclabili, le piste ciclabili, le piste ciclabili, le piste ciclabili, le piste ciclabili, le piste ciclabili, le piste ciclabili, ecc.
Interessante escursione di un giorno: Al confine con la Svizzera e l’Italia, Chamonix offre una vista incomparabile sul Monte Bianco.
Consiglio per chi viaggia in autobus: Il percorso dal Rodano-Alpi all’Ile-de-France comprende i classici paesaggi francesi.

Articolo molto interessante
AI può rivoluzionare i viaggi in autobus interurbani?

Île-de-France

Il Tour termina il 26 luglio agli Champs-Elysées. Poco prima della fine, i corridori passano per Sèvres. Con numerose piste ciclabili e a soli 55 minuti in bicicletta da Parigi.

Da visitare: Il Museo Nazionale della Ceramica di Sèvres, insieme a Shakespeare & Company, Café de Flore e il Centro Pompidou di Parigi.
Suggerimento: Una volta salita la Torre Eiffel, navigato lungo la Senna, ammirato l’Arco di Trionfo, dirigetevi verso Montmartre, dietro la zona del Canal Saint Martin, per trovare alcuni luoghi alla moda alla moda del vero “bobo”. Fate come i parigini e rendete omaggio a voi stessi a Holybelly, fate shopping sul canale e provate il nuovo locale alla moda Brasserie Barbès, vicino al Sacré-Coeur.

Interessante escursione di un giorno: Fate uscire il vostro bambino interiore e fate una sosta a Disneyland. Situata a Marne-la-Vallée, a soli 30 minuti a est della capitale francese, la Disneyland europea attira visitatori da tutto il continente.
Suggerimento per chi viaggia in autobus: A differenza di quanto accade quando si prende un aereo, il viaggio in autobus permette di vedere il paesaggio dal momento in cui si arriva a destinazione. Sapevate che uno dei principali terminal degli autobus di Parigi, Bercy, è a soli 20 minuti a piedi dal Louvre?

Lascia un commento